Pietro Comito si racconta agli studenti di Girifalco nella “Giornata mondiale per la libertà di stampa”

 Voce del verbo restare. Voce del verbo lottare. Voce del verbo amare. La Calabria. La libertà. Tra luci e ombre. Di questo si è parlato stamattina, all’orto botanico, nel corso dell’incontro promosso in occasione della “Giornata mondiale della libertà di stampa”. 

L’iniziativa è stata promossa dall’Amministrazione Comunale, su iniziativa del vicesindaco con delega alla Comunicazione, Alessia Burdino, e del consigliere comunale con delega alla Pubblica Istruzione, Delia Ielapi, con la Pro Loco Girifalco, Connecting Europe e Radio BorgArte.

L’Amministrazione Comunale ha inteso rivolgere dei ringraziamenti a quanti hanno contribuito alla riuscita della manifestazione: Pro Loco Girifalco, Connecting Europe e Radio BorgArte, il presidente della Pro Loco Paolo Antonio Migliazza, il moderatore Giuseppe Stranieri, Pepè Rosanò, Laura Ielapi, Domenico Olivadese e Rocco Proganò.

“Grazie, inoltre, al dirigente scolastico dell’IISS Majorana, prof. Tommaso Cristofaro, ai docenti e, soprattutto, agli studenti che hanno partecipato con entusiasmo all’incontro.  Un ringraziamento, particolare, al capitano della Compagnia dei Carabinieri, al parroco don Antonio De Gori, al Centro d’accoglienza “L’Approdo”, alla docente Lorenza Pavone intervenuta in rappresentanza dell’IC Scopelliti e a Gregorio Marinaro autore dell’opera donata al giornalista. Il grazie più grande va all’ospite di questa giornata: il giornalista Pietro Comito che, con passione, ha accompagnato il pubblico in un viaggio alla scoperta del tema della libertà. Di stampa. E non solo”.