Preserre scosse dalla morte di Rosalba De Fazio, il ricordo della Uildm

“Ricorderemo sempre con ammirazione il tuo edificante esempio, continueremo il nostro cammino di vita come tu ci hai mostrato”

La scomparsa della giovanissima Rosalba De Fazio, a causa di un male incurabile, ha scosso profondamente tutto il comprensorio delle Preserre chiaravallesi. Residente a Cardinale, ma molto conosciuta e amata in tutti i paesi del circondario per le sue attività di volontariato, vive nel ricordo commosso del presidente dell’Unione italiana per la lotta alla distrofia muscolare, Giovanni Sestito, che con lei ha condiviso mille progetti, una vita intera.

“Ci sono dei momenti nella vita di ognuno di noi – scrive Giovanni Sestito – quando trovare le parole per salutare una grande amica, nel suo ultimo viaggio, diventa difficile.  Oggi è uno di quei momenti, perché non ci saranno mai parole giuste o sufficienti per ricordare la donna, ovvero l’amica Rosalba e la sua significativa missione sociale espressa anche all’interno della nella nostra associazione Uildm”.

“Ma dobbiamo sforzarci di trovarle, così come si sforzava lei a trovare le parole adatte per comporre le sue bellissime poesie a rima. La nostra cara Rosalba riusciva a trovare sempre le parole giuste in ogni circostanza, aveva un cuore incredibilmente grande e una gioia di vivere contagiosa. Carissima Rosalba, avendo potuto apprezzare la tua straordinaria energia interiore, ci eravamo convinti che tu avessi una particolare forza rispetto ai mali di questo mondo”.

“Con la tua improvvisa scomparsa, invece, lo sgomento prima e il dolore poi, ci hanno sopraffatto. Non hai lasciato trasparire la tua malattia e hai continuato a goderti la vita. Non volevi essere trattata in modo diverso e hai lottato fino alla fine. In questa mesta circostanza sarebbero molte le cose che avremmo voluto ricordare di te: la tua serietà, la tua sensibilità ed il tuo grande impegno verso il prossimo, come la tua pacatezza, la tua brillante opera culturale ed umana svolta a favore della nostra associazione Uildm”.

“Già segreteria fin dal primo giorno hai sempre avuto la Uildm nel cuore, fino all’ultimo giorno in cui festeggiavamo i compleanni coi volontari, le tue parole sono state sempre rivolte nella speranza che l’operato, fin qui svolto, debba continuare. Abbiamo avuto il grande privilegio di conoscerti e rispettarti, ricevendo la tua stima, pienamente contraccambiata. Ti ricordiamo, particolarmente, per l’entusiasmo che ci mettevi nell’organizzare le attività dell’associazione. In questa estrema circostanza ci hai fatto ricordare quante volte, nella difficoltà, hai saputo lottare con serena dignità e in silenzio”.

“Oggi, ci rimane l’amarezza e il conforto d’aver lasciato un ricordo vivo nelle persone che ti hanno incontrato e conosciuto. Quello che abbiamo imparato da te e i ricordi che abbiamo condiviso rimarranno per sempre nei nostri cuori. Con il tuo quotidiano agire hai fatto sentire la tua umanità a tutti noi. Sei una grande perdita, difficile da accettare, un grande vuoto, difficile da colmare. Siamo infinitamente grati di aver potuto trascorrere tutti questi anni al tuo fianco. Ecco questo è stata Rosalba, che tutti gli associati ed amici della Uildm ricorderanno sempre con ammirazione il tuo edificante esempio, continueremo il nostro cammino di vita come tu ci hai mostrato”.