Pro Loco Cropani a Gratteri: “Possiamo ospitare qui il processo Rinascita Scott”

Lettera aperta al procuratore di Catanzaro che “candida” un ex penitenziario che si trova in località Pedecandela. 

Aula bunker del maxi processo alla ‘ndrangheta: se fosse per la Pro-Loco di Cropani, ci sarebbe già la sede per l’inchiesta Rinascita Scott e le 479 persone indagate dal magistrato Nicola Gratteri e dagli altri intrepidi inquirenti.
La struttura proposta è un ex penitenziario, è abnorme e si trova in località Pedecandela, a pochi metri dal centro abitato di Cropani: per la Pro-loco cropanese ci sono qui i presupposti per trasformare l’ennesima incompiuta in una sede idonea per un’aula di tribunale e servizi annessi. La finalità è quella di scrivere un’importante pagina di legalità in un luogo da sempre caduto nel dimenticatoio: una bella metamorfosi in nome della legalità e del riscatto per un’intera comunità.

“La Pro Loco di Cropani propone di valutare l’opportunità di realizzare a Cropani l’aula bunker per il processo relativo all’inchiesta Rinascita-Scott», in cui sono indagate 479 persone” scrive in una lettera aperta il presidente della Pro-loco Angelino Grano, da anni in prima linea nelle politiche di sviluppo sociale ed economico del paese della provincia di Catanzaro.

L’impegnato cittadino della piccola frazione Cuturella si rivolge al procuratore capo Nicola Gratteri e non difetta in chiose e motivazioni: “Il Comune di Cropani è proprietario di una grande struttura in una zona isolata del paese e precisamente in località Pedecandela, una zona molta ampia e lontana dalle civili abitazioni, ove alcuni anni addietro una piccolissima parte fu utilizzata dal Gruppo GAL Gruppo Azione Locale Valle del Crocchio. Ma, in effetti, fu costruita come struttura carceraria (carcere mandamentale) mai entrato in funzione. La struttura è dotata di mura di cinta molto alte. È in cemento armato ed abbastanza grande da poter contenere un’aula di Tribunale con uffici annessi, compreso presidi delle forze dell’ordine. Dispone anche di grandi spazi, naturalmente recintati, adeguati per le esigenze dello scopo in completa sicurezza.

La struttura fu utilizzata da un grande regista cinematografico, per girare un film con Bud Spencer, poi impiegata per deposito spazzatura. Una struttura pagata 4 miliardi di lire con tanto di celle e diversi appartamenti per il personale. Raggiungibile dalla SS 106 a soli 3 minuti. Complesso pubblico mai utilizzato ne per carcere mandamentale ne per altre altri scopi. Grande sperpero di denaro pubblico, forse oggi se davvero, attenzionata dal Procuratore Gratteri, potrebbe essere utilizzata e riadattata per il maxi processo e dare la grande rivincita a Cropani per ripartire soprattutto sotto l’aspetto economico per l’intero comprensorio. “

L’inchiesta Rinascita Scott è stata associata spesso all’aggettivo storica per i numeri a tre cifre e l’azione investigativa che ha travolto l’organizzazione delle ‘ndrine, coinvolgendo anche politici, imprenditori e professionista: la storia della Calabria passa da qui e anche Cropani vorrebbe fare la sua parte, indicando Nicola Gratteri come modello da seguire.