Processo “Quinta Bolgia” su ‘ndrangheta e sanità: 8 condanne e 3 assoluzioni

Arriva la sentenza per il processo Quinta Bolgia, l’operazione che a novembre del 2018 portò a 24 misure cautelari emesse dalla procura antimafia di Catanzaro. Al centro dell’inchiesta l’Asp di Catanzaro e il servizio di gestione delle autoambulanze e del trasporto del materiale sanitario all’interno anche dell’ospedale di Lamezia Terme.

Proprio questa operazione portò anche al commissariamento per mafia dell’Asp di Catanzaro. L’indagine, realizzata dalla Dda guidata da Nicola Gratteri, ipotizzò una presunta associazione a delinquere di stampo mafioso, collegata con i reati di turbata libertà dell’industria o del commercio, frode nelle pubbliche forniture, illecita concorrenza con minaccia o violenza, abuso di ufficio, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, peculato, induzione indebita a dare o promettere utilità, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico, corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio. Oggi il gup di Catanzaro ha emesso la sentenza: 8 condanne e tre assoluzioni. Assolto, da tutti i capi, l’ex direttore amministrativo Asp di Catanzaro Giuseppe Pugliese mentre è stato condannato a 8 mesi Giuseppe Perri, ex direttore generale Asp di Catanzaro. Condanne anche per le società coinvolte nella vicenda su ‘ndrengheta e sanità.

Le condanne

Franco Antonio Di Spena – 2 anni e 8 mesi

Giuseppe Perri – 8 mesi

Diego Putrino ’82 – 9 anni e 6 mesi – interdizione perpetua dai pubblici uffici e libertà vigilata per due anni

Diego Putrino ’67 – 9 anni e 6 mesi – interdizione perpetua dai pubblici uffici e libertà vigilata per due anni

Pietro Putrino – 11 anni – interdizione perpetua dai pubblici uffici e libertà vigilata per due anni

Ugo Bernardo Rocca – 9 anni e 2 mesi – interdizione perpetua dai pubblici uffici e libertà vigilata per due anni

Silvio Rocca – 10 anni e 6 mesi – interdizione perpetua dai pubblici uffici e libertà vigilata per due anni

Vincenzo Torcasio – 9 anni e 4 mesi – interdizione perpetua dai pubblici uffici e libertà vigilata per due anni

Il Gup ha dichiarato la società La pieta di Putrino, Croce Rosa Putrino, Putrino Service, Rocca Servizi di Pietro Rocca in persona del legale rappresentante pro-tempore, responsabili degli illeciti amministrativi loro ascritti, avvinti dal vincolo della continuazione e operata la riduzione per la scelta del rito, le condanna al pagamento della sanziona pecuniari, per ciascuna di esse, di 206.400 euro pari a 800 quote

Sanzioni interdittive per due anni per le società: La Pietà, Croce rosa, Putrino Service, Rocca servizi.

Assoluzioni

Roberto Frank Gemelli (difeso dall’avvocato Antonio Larussa)

Sebastiano Felice Corrado Mauceri (difeso dall’avvocato Antonio Larussa)

Giuseppe Pugliese (difeso dall’avvocato Franco Laratta)

Assolti da alcuni capi di imputazione:

Franco Antonio Di Spena, Vincenzo Torcasio, Giuseppe Perri, Pietro Putrino, Diego Putrino ’67,