Propaganda turistica calabrese? Non pervenuta! E i Bronzi?

 Parliamoci chiaro: la Calabria, ultima o quasi d’Europa, ha nel turismo la sola speranza concreta di un poco di economia. Almeno per ora, ma io sto parlando di ora.

 Ebbene, a oggi 30 aprile 2022, la propaganda turistica calabrese è zero. Per carità, se sono male informato, informatemi.

 Ovviamente non calcolo nemmeno il patetico e buffo corto di Muccino, che nessuno ha visto, ed è meglio così, se mostrava una Calabria patacca, e nemmeno un monumento, un’area archeologica… E già, ragazzi, che ne sa, Muccino, di storia? L’ignoranza non è una colpa: non aver cercato un libro o una consulenza, quella è colpa gravissima, se pagatissimo come è stato. Anche il tabellone con il TESORO DI TALARICO non scherzava!

 Oggi, 30 aprile, tutti gli altri si stanno facendo propaganda, anche le terre che di propaganda non ne avrebbero nemmeno bisogno: Toscana, Sicilia, Sardegna, Marche, Veneto… Noi, che ne avremmo una necessità come l’aria, silenzio.

 30 aprile? Ma il turismo si vende a febbraio. E qui, domanda: la Regione, lasciamo perdere, la conosciamo dal 1970 in poi; ma i più o meno sedicenti operatori turistici di mestiere, che hanno fatto e fanno? Niente: aspettano i quindici giorni di agosto per poi trascorrere l’inverno come le formiche, girandosi i pollici.

 Esempio, i Bronzi. Oggi, che è sempre 30 aprile, quindi sono passati i primi quattro mesi del 2022, cinquantesimo del ritrovamento, non mi risulta alcuna iniziativa né della Regione né della Provincia metropolitana di Reggio, né del Comune di Riace. Università? Ahahahahahah!

 C’è un programma? Io non ho mai visto turisti dormire e mangiare e fotografare sui fogli di carta! È come i progetti della 106 e della mia Trasversale, che forse ci sono, ma sicuramente ci possono passare sopra solo le automobiline giocattolo.

 Ora, io sto scrivendo per una testata, Soveratoweb, che ha decine di migliaia di contatti; e poi farò girare la cosa tra i miei, che non sono pochi. Mando spesso a domicilio, quello che scrivo.

 Possibile che Regione, Provincia, Comune, eccetera, nessuno legga? Leggono, leggono, eccome: però non rispondono. Perché non rispondono? Perché hanno una coda di paglia lunga chilometri?

Ulderico Nisticò