Raffaele Mancini plaude alla proposta fatta dall’On. Ferro di prevedere un centro COVID in Calabria

“E’ lodevole la proposta fatta dall’On. Ferro di realizzare un centro ospedaliero dedicato esclusivamente  malattie infettive, un piccolo “Spallanzani” in Calabria”. È quanto dichiara Raffaele Mancini, già sindaco di Soverato e già consigliere provinciale, dirigente medico dell’Asp di Catanzaro.

“L’emergenza Coronavirus – dichiara Mancini – sta colpendo tutto il territorio nazionale e anche la nostra amata terra, e molti dati scientifici danno per certa una seconda ondata di virus tra ottobre e novembre.” “Sarebbe un’ottima iniziativa – specifica Mancini – prevedere, nell’ambito della programmazione sanitaria, un centro COVID-19 nella nostra Calabria per affrontare meglio la seconda ondata.”

“Alla Presidente Santelli – afferma il medico – suggerirei di promuovere e articolare la proposta dell’On. Ferro nel seguente modo: 1) una regia unica regionale che coinvolga tutte le ASP e tutte le Aziende ospedaliere in modo da ottimizzare le risorse umane interne; 2) iniziare a pensare al fabbisogno del personale e strumentale per il centro COVID-19; 3) realizzare il centro Covid-19 fuori dai centri urbani piuttosto che a quelli abitati, possibilmente in zone logisticamente ottimali soprattutto per la facilità d’accesso e/o in aree con importanti spazi”.

“In parallelo a tale iniziativa – conclude Raffaele Mancini – servirebbe  ricoprire i posti vacanti delle piante organiche degli ospedali calabresi anche non Covid, affinché possano affrontare adeguatamente urgenze e casi infifferibili, evitando che esse gravino sugli ospedali Covid.”