Reddito di cittadinanza, in Calabria 500 persone denunciate in tre anni. 2,5 milioni di euro recuperati

Oltre 500 persone denunciate e 2,5 milioni di euro recuperati: è questo il bilancio dei controlli dell’Arma dei carabinieri sulla regolarità in Calabria delle istanze presentate dai percettori del reddito di cittadinanza nei tre anni di vigenza della misura a sostegno delle famiglie in difficoltà economica.

“Particolarmente diffuso – si legge in una nota dei carabinieri – è stato infatti l’aggiramento dei requisiti necessari alla fruizione, che si è concretizzato nelle modalità più disparate: dalla simulazione di gravidanza, all’attestazione di residenza presso ruderi inesistenti o addirittura dell’esistenza di una famiglia fittizia, sino a giungere al tentativo posto in essere da esponenti della criminalità organizzata di lucrare sulle risorse previste dal Governo in tema di incentivazione dell’occupazione”.

“Per contrastare efficacemente il fenomeno, i Carabinieri hanno posto in essere attività di analisi documentale sulle istanze presentate, integrate dai necessari riscontri sul territorio, concentrando i loro sforzi sulle aree più degradate”.

“Un caso particolare è rappresentato dal reddito di cittadinanza percepito dai cittadini stranieri ospitati presso la Tendopoli di San Ferdinando, la cui irregolarità ha riguardato principalmente la carenza del requisito della residenza effettiva in Italia da almeno dieci anni, di cui due in maniera continuativa. Le indagini espletate in tale direzione hanno consentito di acclarare come circa la metà dei migranti domiciliati nella tendopoli avesse presentato domanda per la speciale elargizione”.