Reddito famiglie, quadro incoraggiante dal 2020

Il Movimento politico, culturale e d’opinione “Italia Plurale” auspica un migliore vivere sociale

Per il triennio 2018-2020 si presume una crescita del reddito disponibile aggiustato – Rda, reddito al netto delle tasse e comprensivo dei servizi – pro capite del 5,5%, sopra i 1.000 euro in termini nominali. È quello che mostrano i dati contenuti nella prima “Relazione sugli indicatori di benessere equo e sostenibile”, che il Ministero dell’economia ha inviato al Parlamento. Le previsioni contenute nelle Relazione sui primi quattro indicatori inseriti in maniera sperimentale – si intuisce in una postilla del Mef – “restituiscono un quadro incoraggiante”.

In dettaglio per il reddito disponibile aggiustato (Rda) pro capite, ovvero il reddito di cui può concretamente avere a disposizione una famiglia, detratte le spese per tasse e contributi sociali, è inclusivo dei servizi, in primis scuola e sanità pubbliche. “Grazie non solo alla ripresa economica, ma anche a misure specifiche introdotte negli ultimi anni – sottolinea la Relazione – i dati indicano una dinamica positiva”.
La Relazione, in concordanza con quanto regolato nel Documento di Economia e Finanza 2017, riproduce il trend dei primi quattro indicatori immessi in modo sperimentale: il reddito disponibile pro capite, che include i trasferimenti dalle Amministrazioni pubbliche e dalle istituzioni sociali senza fini di lucro; la disuguaglianza dei redditi, rapporto tra il reddito più ricco della popolazione e di quello più povero; il tasso di non partecipazione al lavoro, un rilevatore di deroga economico-sociale più grande del tasso di disoccupazione.

Il Movimento politico, culturale e d’opinione “Italia Plurale” ritiene che il reddito di cui può concretamente avere a disposizione una famiglia dovrebbe essere tale da permettere a tutti i cittadini italiani di poter avere un vita tale da poter soddisfare i bisogni di prima necessità, evitando cosi ogni ineguaglianza e disparità di reddito tra i cittadini più ricchi e quelli più poveri.
Il Movimento politico, culturale e d’opinione “Italia Plurale” auspica che qualsiasi sia il governo che uscirà dalle prossime elezioni politiche si possa veramente far fronte ad una situazione sociale che rasenta vere e proprie sacche di povertà, permettendo a tutte le famiglie italiane di poter vedere aumentato il proprio reddito disponibile pro capite favorendo così non solo la ripresa economica, ma anche un maggiore e migliore vivere sociale per tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.