Riffa per la festa patronale con primo premio un vitello, proteste e diffida della Lav

Protesta e diffida legale da parte dell’associazione animalista Lav (Lega anti Vivisezione) contro la riffa di un vitello quale primo premio di una lotteria indetta in occasione della festa patronale dei Santi Cosma e Damiano a Brattirò, frazione di Drapia, in provincia di Vibo Valentia. L’iniziativa, prevista per il 27 settembre prossimo, viene definita “deprecabile” dalla Lav in quanto si contrappone ad una “maggiore sensibilità ed attenzione da parte della società civile nei confronti degli animali e contrasta con la loro natura di esseri senzienti, come definiti nel Trattato europeo di Lisbona.

La vitellina – sostiene la Lav – continua a essere messa in palio in nome di una tradizione incapace di rinnovarsi e che non ha più alcun legame con il mondo contadino in cui era nata e a cui era rivolta, mentre nell’opinione pubblica cresce il dissenso nei confronti di queste pratiche, anche per il notevole impatto diseducativo sui giovani. Pertanto, sostituire l’animale con un premio diverso e’ prima di tutto una scelta di buon senso, già effettuata in altre realtà, senza nulla togliere ai valori religiosi, culturali e identitari della festa e della comunità”. Attraverso la diffida legale la Lav chiede alle autorita’ competenti di intervenire per fermare tale usanza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.