Ripresa europea: e il Meridione?

ripresaDicono che sia in atto una ripresa europea, e, sempre dicono, italiana ancora meglio. Beh, se è vero che dopo i sette anni di vacche grasse vengono sempre sette di vacche magre, può succedere anche il contrario, e forse le bovine europee metteranno su pancia e daranno latte.
E il Meridione d’Italia? E la Calabria? Queste terre, come si sa, sono le ultime in Europa per produzione e commercio, e si stanno anche spopolando. Ogni tanto, pro forma, l’Europa e i governi italiani accennano al problema, sparano Piedigrotte di annunzi in inglese, poi non succede niente.
Invece il Sud, con raffinata eleganza, tace. E dico tace perché non ritengo cose serie le due ideologie di cui ogni tanto si sente cenno: il piagnisteo antimafia segue cena; e la recente moda ottimistica. Non dando dunque alcun peso né ai romanzi futuristici su Gioia Tauro uber alles o ai sogni romantici da chilometro zero, posso affermare che seriamente del Meridione non parla nessuno.
Fermi tutti, non sto chiedendo alcun “intervento straordinario”, anzi, nessun intervento. Abbiamo già dato, con SIR, Saline, Isotta Fraschini… il mangia mangia è stato immane; e, alla fine della vendemmia, abbiamo un Sud di bidelli, professori, passacarte e roba del genere, tutto tranne che produzione. Abbiamo Regioni, in particolare Calabria Campania Sicilia, che non spendono i soldi regalatici dall’Europa!
No, non mi serve un altro carrozzone, il solito con 666 dirigenti e 01 operaio. Serve che qualcuno studi davvero le potenziali risorse del Meridione, e la loro possibile utilizzazione.
Le risorse, più o meno, ci sono. Non è la California, il Sud, però nemmeno il Sahara. Bene o male, per millenni la gente ci campò discretamente, mai ricca ma nemmeno alla fame. Ci vuole una ricognizione scientifica dell’esistente, e una programmazione adeguata: agricoltura di qualità, piccole aziende, turismo di varia natura e debalnearizzato…
L’importante è invertire il rapporto 666 dirigenti e 01 operaio in 666 operai e 01 dirigente… no, un ragioniere. E pagare solo chi lavora e produce; assistiti, solo i morenti poveri.
Se no, ragazzi, ci sarà forse la ripresa in Europa e nel resto d’Italia, ma il Sud perderà anche questo treno.

Ulderico Nisticò

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.