Roma – Tenta la truffa dello specchietto, 27enne calabrese viene bloccato dai carabinieri

Ancora truffatori dello specchietto. L’ultimo “colpo” è di ieri, ai danni di un anziano e stava per andare a segno se una pattuglia di carabinieri non fosse intervenuta arrestando l’imbroglione con un sfliza di precedenti proprio per questa truffa.

Pensava di essere lontano da occhi indiscreti, così, con la sua auto, ha affiancato un pensionato romano alla guida di una vettura lungo via Camillo Serafini e gli ha intimato di fermarsi per constatare i danni che, a suo dire, gli aveva provocato pochi istanti prima. Inizialmente è andato tutto come il truffatore aveva programmato: il pensionato, incredulo, si è fermato per vedere il danno e il ragazzo, con un’insolita premura, gli ha subito proposto di chiudere bonariamente l’incidente senza mettere in mezzo le assicurazioni, ma saldando direttamente il danno con qualche centinaio di euro in contanti.

La messinscena, un copione che si ripete sempre uguale, è stata notata da una pattuglia dei carabinieri della Stazione Roma Bravetta che si è subito avvicinata. Alla vista dei militari, il truffatore – un 27enne originario di Reggio Calabria, ma da tempo residente a Roma, non nuovo a questo genere di raggiro e, per questo motivo, già conosciuto dai carabinieri – è scappato a piedi, ma è stato raggiunto dopo pochi metri. Il ragazzo è stato arrestato e portato in caserma con l’accusa di tentata truffa, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Ora si trova agli arresti domiciliari a disposizione dell’autorità giudiziaria. (Il Messaggero)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.