Scoperti e denunciati 63 braccianti agricoli “fantasma” e tre imprenditori

La Guardia di Finanza di Crotone ha concluso una complessa indagine che ha portato alla luce una serie di irregolarità inerenti false dichiarazioni di assunzioni di braccianti agricoli. Nel corso dell’attività investigativa è stato possibile rilevare che tre aziende agricole della provincia crotonese, nel periodo compreso tra il gennaio del 2011 ed il febbraio del 2016 hanno falsamente dichiarato la coltivazione di terreni risultati concessi in fitto da diversi proprietari terrieri e la fittizia assunzione di 63 lavoratori ai quali hanno procurato un ingiusto profitto, rappresentato da erogazioni assistenziali quali l’indennità di malattia e di disoccupazione agricola per un importo complessivo di 591.021,40 euro.

La disamina della documentazione acquisita ha consentito di rilevare che le ditte coinvolte non hanno mai avuto la disponibilità dei terreni. Ne discende quindi che anche le prestazioni lavorative della manodopera bracciantile dichiarata sono risultate fittizie. Le indagini svolte dalle Fiamme Gialle di Crotone hanno inoltre permesso di accertare che due delle tre aziende agricole coinvolte hanno usufruito dei benefici previsti dal regime di sostegno al reddito degli agricoltori, mediante presentazione all’ARCEA di “Domande Uniche di Pagamento”, per le campagne agricole dal 2011 al 2016, percependo indebitamente pagamenti diretti per un importo complessivo di 15.361,12 milioni previsti dal reg. (CE) 73/2009, per il settore “Domanda Unica di Pagamento”. Per quanto precede gli amministratori delle predette ditte individuali, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Crotone poiché ritenuti responsabili delle condotte penalmente rilevanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.