Scoperto un giro di prostituzione a Squillace, 34enne arrestato

Avevano notato diversi movimenti nei pressi di un appartamento nella zona marina di Squillace. Così, i carabinieri della Compagnia di Catanzaro, agli ordini del Capitano Ferdinando Angeletti, hanno scoperto un giro di prostituzione che ruotava attorno ad una casa a Squillace, nel catanzarese, arrestando un uomo di 34 anni, Giuseppe Ortone. L’accusa che gli viene contestata é favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Le indagini, condotte sotto le direttive della Procura della Repubblica di Catanzaro, (Procuratore della Repubblica, Nicola Gratteri, del Procuratore Aggiunto, Giancarlo Novelli, e del Sostituto Procuratore, Anna Chiara Reale), hanno avuto origine da un’attività di osservazione da parte dei carabinieri.

L’attività di prostituzione veniva esercitata sia da donne che da transessuali di origini straniere, che si avvicendavano periodicamente nell’immobile in cui avvenivano gli incontri. Ortone, che é stato posto agli arresti domiciliari, provvedeva, secondo l’accusa, a contattare, mediante siti web a luci rosse, i potenziali clienti delle prostitute, gestendo le esigenze logistiche per loro attività all’interno della casa.

Diversi sono stati i clienti controllati e identificati. L’indagato percepiva dagli inquilini dell’appartamento somme di denaro notevolmente superiori a quelle fissate mensilmente nel contratto di affitto, in questo modo partecipando ai guadagni in misura superiore al valore dei servizi.