Se succede, sarà stata tutta colpa di Pitagora

A Soverato, come si sa, la lista di Alecci ha stravinto, con un robustissimo 84%. Una lista, non pervenuta; la lista Ionio, ha il 15%, una percentuale bassissima, e scarsissimi numeri assoluti.
Ebbene, per effetto di una legge sballata e di una matematica folle, gli Ionici hanno quattro (04) consiglieri.

D’ora in poi, dunque, in Consiglio Comunale, otto staranno con Alecci, quattro contro Alecci. Fine dell’articolo, e tanti saluti a tutti.
Fermi tutti, però. E se uno di Alecci ha la luna storta e diventa dissidente? Ebbene, saremmo sette contro cinque. E se due di Alecci hanno la luna storta e diventano dissidenti? Ebbene, saremmo sei contro sei. E se tre di Alecci hanno la luna storta e diventano dissidenti? Ebbene…

I dissidenti, esistono? Non lo so, e non lo voglio sapere.
Vedete quante ne combina, Pitagora? Fecero bene a cacciarlo da Crotone, e non riceverlo a Locri! Perché quando a comandare non è la politica ma la matematica, allora ci troviamo di fronte a meccanismi automatici impazziti.

Bisogna modificare subito questa legge, e assegnare al vincitore un bel premio di maggioranza.
Quanto ad eventuali problemi interni alla maggioranza… essi sono sulle ginocchia degli dei.

Ulderico Nisticò