Secondo appuntamento con la rassegna culturale Intermundia CulturAttiva

LOGO INTERMUNDIA CULTURATTIVASi è svolto domenica 16 agosto il secondo appuntamento della rassegna culturale Intermundia CulturAttiva organizzata dall’Associazione Culturale COSMOS 3 e ospitato nella Sala Convegni del Centro Visite Monaco all’interno del Parco Nazionale della Sila. Una grande affluenza di pubblico giunto da tutta la provincia ha prestato grande attenzione ai temi trattati in questo incontro dedicato all’Archeologia. I seminari programmati nella rassegna sono ormai diventati un appuntamento fisso per molti cultori, appassionati e studiosi, dopo il grande successo del primo incontro del 10 agosto dedicato alla Storia dell’Arte e avente come tema le “Rotture”. Nell’incontro precedente hanno relazionato Storici dell’Arte: Bruno Bevacqua con un intervento dal titolo Il “ciclone” Caravaggio: nuovi punti di vista nel panorama artistico italiano agli albori del Seicento; Stefania Russo con un intervento dal titolo Scusi, ma è arte questa? Dai “preconcetti” sull’arte contemporanea ai “Concetti Spaziali” di Lucio Fontana ed infine Stefano Morelli con un intervento dal titolo Artisti segreti. Principi, eremiti e spiritualisti: percorsi d’arte alternativi al mercato. Dunque ancora una volta un grande successo per gli organizzatori i quali si mostrano soddisfatti per i risultati raggiunti. Una rassegna culturale che concilia diversi mondi apparentemente distanti ma che hanno un unico obiettivo: la Conoscenza. Temi inerenti l’Archeologia, la Storia dell’Arte e il Restauro vengono approfonditi da professionisti del settore durante questi incontri, senza tuttavia tralasciare le importanti esperienze di “Cultura Attiva” presenti nel territorio calabrese. Nello stesso tempo l’unione di territori e luoghi diversi nei quali si concentrano da una parte rinvenimenti archeologici, da un’altra opere d’arte di notevole importanza; per tale motivo la rassegna ha un carattere itinerante. In poche parole un modo per diffondere la conoscenza dei luoghi in cui viviamo con il solo obiettivo di mostrarne l’importanza storico-artistica e archeologica e di conseguenza la necessità di una maggiore tutela e valorizzazione. L’incontro svoltosi ieri è iniziato con la presentazione da parte di Bruno Bevacqua, presidente dell’Associazione COSMOS 3, dei due relatori della giornata, Lorenzo Chiricò, presidente dell’ArcheoClub di Simeri Crichi, e Tommaso Scerbo, Archeologo. Il primo ha raccontato l’esperienza dell’Associazione ArcheoClub, costituita da alcuni giovani archeologi e appassionati, in un territorio come Simeri Crichi mostrando immagini relative ai ritrovamenti archeologici nella zona in questione e la realizzazione di un Antiquario Comunale nel quale è possibile osservare importanti pezzi risalenti ad un periodo che va dall’età preistorica all’alto medioevo. Ha illustrato inoltre altri progetti portati avanti, come ad esempio il recupero del convento dei Cappuccini di Santa Maria degli Angeli, datato al 1590. L’intervento di Chiricò si è poi concluso con un invito al pubblico ad interessarsi della Cultura e della propria storia sottolineando la necessità di conoscere e quindi tutelare il proprio passato, in quanto i Beni Culturali sono «una fabbrica pulita», ossia permettono la crescita umana e quindi l’evoluzione della società e, nello stesso tempo, possono generare anche ricchezza economica e posti di lavoro in un momento delicato come quello che stanno vivendo le generazioni di oggi. Successivamente Tommaso Scerbo ha illustrato in maniera dettagliata la collezione di Giuseppe Foderaro, ingegnere e studioso di paleontologia calabrese nato ad Albi (CZ) nel 1856, conservata oggi nel Museo Archeologico Provinciale di Catanzaro.  Scerbo si è soffermato sulla disamina di alcuni pregevoli pezzi dell’epoca preistorica rinvenuti in vari territori calabresi come Simeri Crichi, Roccelletta di Borgia e Tiriolo, attirando l’attenzione di un pubblico molto interessato al tema trattato. Il pomeriggio si è concluso con i saluti istituzionali di Clementina Amelio, consigliere al Comune di Taverna con delega alla Cultura; di Salvatore Tozzo, vicesindaco di Magisano ed infine dell’Ing. Nicola Cucci, Direttore dell’Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Catanzaro, i quali unanimemente hanno mostrato il loro apprezzamento, oltre che un incondizionato appoggio alle attività di alta valenza culturale portate avanti, ormai da anni, dall’Associazione Culturale COSMOS 3.

Il prossimo appuntamento programmato è il convegno “Sia Luce” che si terrà il 20 agosto, presso la Sala Convegni del Centro Visite Monaco, nel Parco Nazionale della Sila, alle ore 17.30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *