Sequestrata dai carabinieri del Nas una casa di riposo totalmente abusiva

Gestivano una casa di cura abusiva. Per questo i carabinieri del Nas di Reggio Calabria, a conclusione di una attività ispettiva nella struttura, hanno denunciato in stato di libertà il titolare ed una dipendente di una casa famiglia abusivamente trasformata in una casa di cura, che al termine degli accertamenti è stata sottoposta a sequestro.

Il provvedimento scaturisce da altre attività di controllo alle quali la stessa casa famiglia era stata sottoposta la struttura fin dall’estate del 2020, quando – fa sapere l’Arma – a seguito delle gravi deficienze riscontrate, sia strutturali che organizzative, il Comune di Reggio Calabria aveva emanato una ordinanza urgente per la sospensione dell’attività.

Successivi accertamenti avrebbero dimostrato, tuttavia, che la casa famiglia continuava ad ospitare anziani e i carabinieri del Nas sono stati costretti ad un immediato intervento.

I militari sin dall’arrivo hanno notato che ci fosse qualcosa di strano, infatti alla loro vista uno dei dipendenti ha tentato di dileguardi dalla parte posteriore dell’immobile con una anziana ospite in braccio, non autosufficiente ed ancora con il catetere inserito, per nasconderla all’interno di un esercizio commerciale sottostante. L’azione, che ha messo in grave pericolo la salute della malcapitata, è stata immediatamente interrotta.

Dalla successiva ispezione è emerso che sulla casa famiglia non solo pendeva l’ordinanza di sospensione comunale e continuava ad operare, ma sarebbe stata anche trasformata in casa di cura, con ben 11 anziani, di cui 10 con gravi patologie fisiche e psichiche, costrette a trascinarsi in catetere durante i pochi movimenti possibili o allettati; inoltre erano ospitati in camere vetuste, privi di mobili ed in letti senza barriere per i non autosufficienti e con climatizzatori non funzionanti.

Ad accudire gli anziani vi erano due dipendenti, entrambi senza titoli professionali idonei per l’assistenza sanitaria e nessuno indossava le protezioni anti contagio da Covid 19; inoltre somministravano farmaci senza precisi piani terapeutici.

I Carabinieri del Nas, con l’ausilio del personale del settore welfare del Comune di Reggio Calabria hanno immediatamente trasferito gli anziani presso i parenti o altre strutture socio assistenziali autorizzate.Il titolare, un 55enne reggino, è stato denunciato in stato di libertà perché avrebbe attivato una struttura sanitaria priva di autorizzazioni, per abbandono di persone incapaci, e per inosservanza di un provvedimento dell’autorità, mentre in concorso con una dipendente, una 47 enne di origine romena, sarebbe responsabile anche di esercizio abusivo della professione sanitaria.

I carabinieri del Nas di Reggio Calabria, guidati dal maggiore Giacomo Claudio Moschella, invitano coloro i quali affidano i propri cari a strutture socio assistenziali “a verificare che vi siano locali idonei per l’accoglienza e che il personale che si prende cura dell’ospite sia professionalmente qualificato per l’assistenza sanitaria anche e soprattutto per soggetti non autosufficienti e con gravi patologie. Qualora ci sia anche solo il sospetto di inefficienze o mancanze, che possano mettere in pericolo o aggravare la salute del proprio caro – si aggiunge – non esitare a rivolgersi all’Arma dei Carabinieri”.