Sequestrati dalla Guardia costiera centinaia di piccoli esemplari pesce spada

Personale della Guardia costiera di Reggio Calabria, al termine di un’attività di pattugliamento lungo il litorale reggino, hanno sequestrato circa 26.500 metri di palangari e 118 piccoli esemplari di pesce spada, di cui 60 sono stati immediatamente liberati in mare poiché ancora in vita.

La restante parte, giudicata idonea al consumo umano dal personale dell’Asp-Servizio veterinario di Reggio Calabria, è stata posta sotto sequestro e successivamente donata in beneficienza alle locali associazioni caritatevoli tramite la Prefettura di Reggio Calabria.

Il pesce spada rientra tra le specie ittiche “protette” la cui cattura è sottoposta a particolari restrizioni dettate dalle normative nazionali e comunitarie. In particolare, la cattura di esemplari al di sotto della taglia minima consentita arreca danno alle specie alterando, inoltre, l’equilibrio dell’intero ecosistema.