Sequestrati nel Porto di Catanzaro 700 metri di reti utilizzate per la pesca di novellame

Alle prime luci dell’alba di ieri il personale dell’ufficio circondariale marittimo di Soverato e dell’ufficio locale marittimo di Catanzaro Marina hanno proceduto al sequestro di attrezzi da pesca (rete di tipo sciabica) per 700 metri, nascosti irregolarmente a bordo di natanti da diporto e utilizzati per la pesca illegale del novellame di sarda.

L’operazione, realizzata con modalità sinergica terra-mare, ha portato all’individuazione di sei responsabili ai quali sono state contestate sanzioni amministrative per un importo totale di 6.000 euro.

Nel corso dell’attività si è proceduto, inoltre, al sequestro di tre natanti da diporto utilizzati nelle attività di pesca, privi di copertura assicurativa.