Si accascia a scuola all’improvviso e muore a 12 anni

Un dolore acuto e improvviso: “Ho un forte mal di testa”. Appena il tempo di chiedere aiuto ai compagni di classe. Stava per cominciare l’ora di ginnastica. Aveva 12 anni la studentessa di una scuola pratese morta ieri all’ospedale pediatrico Meyer dove era stata ri coverata già in gravissime condizioni dallo scorso venerdì.

Era seduta, quando all’improvviso ha accusato un forte mal di testa, si è accasciata e ha perso i sensi. La causa del decesso è quasi certamente un’emorragia cerebrale. La bambina, subito dopo il malore è stata trasportata con l’elisoccorso Pegaso al Meyer di Firenze, dove è rimasta per tre giorni nel reparto di rianimazione, fino alle 20 di ieri sera, quando è stata dichiarata morta.

La ragazzina, di origine cinese, frequentava la terza media di una scuola di Prato. L’allarme era scattato intorno alle nove del mattino di venerdì 17 dicembre quando la dodicenne, che era seduta a chiacchierare con alcune sue compagne nella palestra della scuola, in attesa che iniziasse l’ora di educazione fisica, avrebbe detto “Ho un forte mal di testa” alle amiche e al suo insegnante per poi perdere i sensi.

Il docente avrebbe effettuato alcune manovre di rianimazione, in collegamento telefonico con la centrale di primo soccorso in attesa dell’ambulanza. Il medico del 118 intervenuto pochi minuti dopo la chiamata dell’insegnante, si sarebbe reso subito conto della gravità delle condizioni della 12enne.

Ha allertato l’elisoccorso Pegaso, che è atterrato in un parcheggio nelle vicinanze della scuola per trasportare la bambina all’ospedale pediatrico fiorentino. Al Meyer la piccola è stata ricoverata d’urgenza nel reparto di rianimazione. I medici non sono intervenuti chirurgicamente sulla ragazzina perché la sua condizione appariva troppo delicata e l’entità della perdita di sangue era troppo grave e profonda. (Repubblica.it)