Sonati Vicinu! Reti e connessioni, intrecci e trame

Quinta edizione dal 2 al 5 Agosto 2021 a San Vito sullo lonio, Soverato e Petrizzi

Come la trama viene tessuta con l’ordito, così la rassegna culturale nata a San Vito Ionio si intreccerà questo anno con Petrizzi e Soverato, lungo una linea ideale che dai boschi scende fino al mare. Partendo da una riflessione sugli antichi mestieri femminili, il tema scelto è l’arte della tessitura e la grande cultura legata al lino, alla seta e alla ginestra.

Dal simbolismo dell’intreccio alla realtà di un insieme di persone capaci di fare rete e accogliere le diversità nell’ottica di una cittadinanza multiculturale: il Piccolo Festival delle Spartenze di Paludi, Felici & ConfIenti di Conflenti e Linea Jonica di Catanzaro, saranno ospiti insieme all’ass.ne Pensionati di San Vito, la libreria ‘Non ci resta che leggere’ di Soverato e Kalabria Trekking di Pizzo.

Il programma dei quattro giorni di musica, letteratura, trekking e artigianato avrà inizio il 2 agosto, in piazza Marconi a San Vito, con l’inaugurazione del murale realizzato la scorsa edizione da SMOE, l’incontro con gli altri Festival culturali regionali e, in serata, tanta musica tradizionale calabrese.

Il 3 agosto, in corso Umberto I a Soverato, parleremo di inclusione, accoglienza e diritti civili assieme alla giovane attivista Nouhaila Hajji, a Claudia Foresta della Coop sociale Meet project e a Nicola Fiorita, scrittore e docente UniCal.

Il 4 agosto percorreremo una parte del cammino di Kalabria coast to coast, da San Vito a Petrizzi, insieme con l’Ass.ne Plastic free Calabria, e l’ass.ne Costa Nostra di Curinga. A piazza Nappini rivivrà l’artigianato locale della lavorazione della ginestra grazie alla coop. A Menzalora e all’ass.ne i Sognatori insieme con il progetto Terre di Perrè di Torre di Ruggiero. A seguire l’incontro con Emilio Leo, dello storico Lanificio Leo di Soveria Mannelli, e l’archeologo Francesco Cuteri. In chiusura Io spettacolo musicale di Valentino Santagati che presenta un’indagine sul campo dell’ambiente sonoro calabrese.

Il 5 agosto, ultima giornata, vedrà San Vito nuovamente protagonista: la rassegna si chiuderà in piazza Mario Polerà, con un reading partecipato con lo scrittore Domenico Dara e il suo ultimo libro, ‘Malinverno’ accompagnato dalle note musicali di Francesco Denaro e Antonio Petitto.

Come ogni anno, Sonati Vicinu! vuole lasciare anche qualcosa di concreto al proprio paese, in questa edizione verranno piantati alcuni alberi di gelso – nutrimento primario dei bachi da seta – come gesto simbolico per un futuro con radici ancor più salde al proprio territorio.