“Soverato – Bully”


Domenica in prima serata l’ emittente televisiva Soverato1 manderà in onda il documentario “ Soverato – Bully “ di Enrico Ventrice, coprodotto da Commedia di Pino e Franco Procopio un documentario che narra una bella pagina sportiva, e non solo, della città di Soverato.

Correva l’ anno 1987 e l’ U.S. Soverato calcio veniva invitata a partecipare a un torneo europeo, in Francia. La presidenza era nelle mani della famiglia Pipicelli che si adoperò per portare in Francia due Squadre : Seniores e Juniores. Dopo il saluto del sindaco in comune, decidemmo di andare tutti al cimitero per porgere un omaggio al compianto Giorgio Gioviale che, proprio quell’ anno, ci aveva lasciati; una delle automobili con cui raggiungemmo il cimitero andò fuoristrada e noi, da buoni meridionali, per nulla superstiziosi, pensammo che non si trattava di un buon segno, per cui ci recammo di buon grado in chiesa a ricevere la benedizione del parroco. Il viaggio fu una moderna odissea con sfumature fantozziane: oltre trenta ore di autobus! giungemmo a Bully, cittadina dotata di un impianto sportivo invidiabile, letteralmente stravolti.

C’erano squadre provenienti da tutta Europa, decisamente meglio equipaggiate di noi che indossavamo tute grezze e pesanti, alla vigilia dell’ estate. Alloggiavamo in un piccolo Albergo che richiamava le atmosfere delle favole dei Fratelli Grimm e non si poteva certo definire un Hotel di lusso. Non destammo una particolare impressione, anzi , gli avversari ci guardavano con un misto sentimento di sarcasmo e compassione, ma quando ci videro in azione cominciarono a mutare atteggiamento; la squadra Seniores vinse una partita dopo l’ altra e non c’ era da stupirsi visto che vi militavano calciatori talentuosi come il portiere Ciccio Galati ( che ha poi militato in squadre di un certo livello) e Renato Singlitico (che di lì a breve sarebbe stato acquistato dal Catanzaro); mentre la squadra juniores non sembrava particolarmente competitiva, sia perché non c’ era stato tempo per allenarsi, sia perché composta da ragazzi che provenivano anche dai paesi vicini e che erano stati selezionati dal mister Joe Mongiardo in collaborazione con il Direttore sportivo Dante Mirarchi.

Mancava l’amalgama e il fisico, ma in quella squadra c’era gente che dava del tu al pallone, come il sottoscritto (che aveva anche l’ onore di essere il capitano) e come Giuseppe Pirelli; poi c’era gente come Massimiliano Andreacchio che incarnava il mediano alla Oriali; gente come Scorziello che aveva doti atletiche fuori dal comune e Dino Trocano che aveva una certa confidenza con il gol.

Tutto ciò, unitamente alla grinta e grazie a un’ accorta gestione del gruppo da parte de mister Mongiardo, ci portò dritti in finale ed entrambe le squadre conquistammo il primo posto. Non posso mai dimenticare il tifo assordante dei tanti italiani che erano arrivati in quella terra come emigranti e che dopo la finale ci scortarono in albergo sotto un gigantesco tricolore . Al rientro, dopo una nuova Odissea, ci aspettava tutta la città in festa. Due anni dopo partecipammo nuovamente al torneo, stesso paese e stessa avventura,ma stavolta la fortuna non fu nostra alleata e arrivammo in finale assai acciaccati e ci classificammo secondi e di quel gruppo faceva parte anche Enrico Ventrice che ha studiato a Ferrara tecnologie della comunicazione e come tesi di laurea, in cinematografia documentaria, ha scritto e diretto il documentario “Soverato – Bully” montato e prodotto da Franco Procopio e Pino Procopio; le riprese fatte da Giuseppe e Aldo Frustaci e la collaborazione di molti protagonisti dell’ avventura calcistica, in particolare della famiglia Pipicelli che ha messo a disposizione il materiale audiovisivo; preziosa la collaborazione di Tonino Fiorita che ha donato molte delle foto storiche presenti nel documentario che ha vinto il premio del pubblico sul web al festival Sport Movies end TV di Milano del 2004.

È stato il primo documentario di Enrico Ventrice, realizzato con pochi mezzi e destinato al circuito locale, che ne ha realizzati molti altri, di pregevole fattura, in collaborazione con la Rai e in particolare con Rai Cinema; attualmente Enrico lavora a New York presso una società americana di produzioni televisive : “ Global Vision Group” . il documentario andrà in onda su Soverato 1 TV domenica 5 Aprile alle ore 21,00 : buona Visione.

Antonio Pellegrino