Stasera Catanzaro su Rai Uno con l’evento “Nella memoria di Giovanni Paolo II”

L’evento condotto da Domenico Gareri e Catena Fiorello nell’Auditorium dell’Istituto penale minorile

Stasera (giovedì 28 dicembre), subito dopo la mezzanotte, andrà in onda su Rai Uno l’evento “Nella memoria di Giovanni Paolo II”, nato a Catanzaro e trasmesso proprio dalla città capoluogo della Calabria dopo le edizioni di Palermo, Napoli, Roma e Torino. Il format, giunto alla tredicesima edizione, con l’obiettivo di tenere viva la memoria e ricordare gli insegnamenti del Santo Giovanni Paolo II, quest’anno ha avuto come location l’Auditorium dell’Istituto Penale Minorile di Catanzaro. Condotto da Domenico Gareri e Catena Fiorello, il programma ha al centro tre tematiche fondamentali: giustizia riparativa, famiglia e lavoro. Tali argomenti sono stati discussi attraverso dei contributi video con i ragazzi detenuti presso l’Istituto Penale Minorile di Catanzaro, ospiti e rappresentati delle istituzioni tra cui il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri, il magistrato del Dipartimento della Giustizia Minorile di Roma, Giacomo Ebner, il prefetto di Catanzaro Luisa Latella, il presidente del Tribunale dei Minorenni, Luciano Trovato, il Vice presidente della Conferenza Episcopale Calabra, S.E. Mons. Francesco Milito, ed altri rappresentanti dello Stato e delle Forze dell’ordine.

Ospiti sul palco diversi artisti di fama nazionale che hanno lanciato dei messaggi ai giovani detenuti: Erika Mineo, in arte Amara, autrice della canzone “Che sia benedetta”; Beppe Carletti dei Nomadi assieme al Coro degli “Ambasciatori del Sociale” e le ragazze dell’AIPD di Catanzaro; gli Audio2; padre Giovanni Aitollo, cappellano del carcere minorile di Catanzaro, accompagnato alla tromba da un giovane detenuto dell’IPM di Catanzaro; la pianista e cantante non vedente Silvia Zaru; il cabarettista Dado; l’Orchestra Terra d’Otranto, diretta dal Maestro Antonio Palazzo. In RVM sono intervenuti lo chef Filippo Lamantia ed alcuni detenuti del carcere milanese di Opera impegnati nel musical “Il Figliol Prodigo”. Come in ogni edizione, sono stati consegnati dei riconoscimenti a Beppe Carletti dei Nomadi, per il “Progetto Sicomoro”, all’Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro – Dipartimento di Sociologia, alla Casa Circondariale “Ugo Caridi” di Catanzaro, a Giuseppe Spanti, cuoco calabrese ora a Parigi, a Maria Rita Parsi ed al progetto “Genitori Digitali”.

L’evento è stato realizzato in collaborazione con il Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità del Ministero della Giustizia, e con i patrocini del Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione della Santa Sede, della Conferenza Episcopale Italiana – Fondazione per lo Spettacolo, del Dicastero per lo sviluppo integrale dell’uomo della Santa Sede, del Comune di Catanzaro e della Regione Calabria. Il programma è stato scritto da Domenico Gareri con Mariella Manna, Fabio Lagonia, Antonello Gioia ed Elisabetta Vescovini, regia Giulio di Blasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.