Strage in famiglia: uccide a coltellate la moglie, i due figli e la suocera. Poi si toglie la vita

Ha sterminato la famiglia e poi si è tolto la vita. La strage è avvenuta in provincia di Modena, a Sassuolo, dove un uomo di 38 anni di origine tunisina, Nabil Dhahri, ha ucciso a coltellate la moglie, Elisa Mulas, i figli di 2 e 5 anni e la mamma di lei, prima di suicidarsi. A scampare alla mattanza la figlia che la donna aveva avuto da un’altra relazione e che si trovava a scuola.

La tragedia è avvenuta fra le 15 e le 16 in via Manin, non lontano dal centro, dove abitava la suocera e dove la donna si era trasferita con i figli dopo la fine della relazione con il 38enne.

Quando i primi soccorritori sono arrivati si sono trovati davanti una scena raccapricciante: cinque cadaveri, uccisi, probabilmente, da un’arma bianca. Fra questi anche quelli dei due bambini piccolissimi.

Oltre alla polizia scientifica, che per ore ha compiuto i rilievi nell’abitazione alla ricerca di indizi e tracce, sul luogo del massacro sono intervenuti anche i carabinieri e la polizia municipale di Sassuolo che hanno transennato l’intera strada per permettere alle indagini di svolgersi.