Tempesta nella notte in Calabria, nubifragi e violente mareggiate nel catanzarese

 Particolarmente colpita la costa, in tutta la provincia di Catanzaro con le condizioni meteo che continuano a creare danni e disagi. Sono queste le criticità a causa della violenta ondata di maltempo che ha portato all’emissione dell’allerta rossa. Sono molti gli allagamenti segnalati lungo tutta la fascia ionica, ma anche a Catanzaro città. Durante la notte, in molti centri della provincia sono stati superati i livelli 2 e 3 di pioggia, con particolare attenzione nella fascia presilana.

I danni maggiori, però, sono quelli causati dal forte vento. Molti gli alberi abbattuti con diverse strade della Presila interrotte per completare le operazioni di sgombero e messa in sicurezza. Diverse segnalazioni riguardano anche tetti danneggiati, insegne pubblicitarie divelte e cavi elettrici spezzati. Particolare attenzione è rivolta alle zone a ridosso del litorale, dove si segnalano violente mareggiate. I centralini dei vigili del fuoco, e quelli delle forze di Polizia, sono stati tempestati da richieste di intervento. Aperti i Coc (Centri operativi comunali) di tutti i Comuni, mentre la Prefettura di Catanzaro sta seguendo l’evoluzione degli eventi.

Le scuole sono rimaste chiuse in gran parte del territorio regionale. Molti sindaci hanno emesso ordinanze per sospendere l’attività anche negli impianti sportivi e ricreativi e nelle aree mercatali. Nei comuni sono stati istituiti i centri operativi che seguono la situazione. La seduta odierna del Consiglio regionale è stata sospesa. Trecento persone residenti nel quartiere Margherita a Crotone, a ridosso del canale 19 considerato a rischio esondazione, sono state fatte evacuare ieri per precauzione. In città il vento ha sradicato alberi, uno dei quali si è abbattuto su un’auto.