Through the Borders of Eastern Europe, and Beyond. Presentato “the Echo”, rivista dell’Istituto culturale “Levante”

È stato presentato a Catanzaro presso i locali dell’Istituto di studi e cultura mitteleuropea e russofona “Levante”, il nuovo numero della rivista internazionale in lingua inglese “the Echo”. La rivista in lingua inglese ha proprio come scopo principe quello di approfondire tematiche sull’Europa dell’Est e Centrale, cercando di costituire un attento legame con dette realtà socio – culturali. Sono già usciti due numeri della rivista, con cadenza annuale – pubblicati dalla casa editrice “Il Pensiero Edizioni” – dove sono stati analizzati questioni attinenti i paesi dell’Est Europa.
Nel volume si è preso in considerazione i paesi dell’ex blocco sovietico dopo la caduta dell’URSS, ed ha per titolo “Through the Borders of Eastern Europe, and Beyond. Light and darkness in the post-soviet states”  (“Attraverso le frontiere dell’Europa dell’Est. Luci e ombre negli Stati post – sovietici”), un vero e proprio sguardo su come è la situazione in questi paesi dopo la caduta del comunismo. In particolare si discute di argomenti relativi al presente, ed al futuro, degli Stati post – sovietici: Armenia, Arzebaijan, Bielorussia, Georgia,  Ucraina, Ungheria. In dettaglio, si inizia con un punto di vista sullo spazio post-sovietico e sulla sfera di influenza della Russia; poi un articolo riguarda su quale dovrebbe essere la strategia dell’Occidente in Ucraina; un pezzo è sulla Bielorussia al giorno d’oggi ed i suoi legami con l’UE; un altro sulla transizione in Armenia; un altro ancora si riferisce al dialogo tra l’Azerbaigian e l’Europa ed alla loro cooperazione; un successivo articolo è sulla Georgia e sul suo passato sovietico; ed infine, non meno importante, i venti illiberali provenienti dall’Est Europa. La rivista “the Echo” ha voluto dare il suo contributo al dibattito in corso, volendo approfondire questioni di importante rilevanza internazionale e sul futuro dell’Europa.

Nel primo numero invece si è discusso della “questione ucraina” alla luce dei recenti avvenimenti che si sono verificati in questo paese, infatti il titolo del volume è stato “The Ukrainian issue” (“La questione ucraina”): l’Ucraina continua ad essere caratterizzata da carenze sociali, economiche, politiche, nonché da politiche strutturali molto serie, che configurano la persistenza di un macro-problema del divario territoriale nei confronti di altri paesi europei. La rivista “the Echo” ha analizzato le attuali realtà ed i processi ucraini nel contesto nazionale ed internazionale in cui si trova il paese. Ha approfondito la “questione ucraina” che si pone in termini oggi più che mai difficili, sia per la necessità di una politica più efficiente ed efficace, sia per i vincoli all’aumento della capacità competitiva del sistema produttivo in Ucraina. La rivista “the Echo” ha voluto dare il suo contributo al dibattito in corso nei forum politici istituzionali ed in campo economico su gli obiettivi e gli strumenti appropriati per garantire efficienza ed equità alla necessaria azione pubblica di un paese che ha bisogno di una stabilità sociale, economica e politica per tutta l’Europa. Il prossimo numero della rivista sarà dedicato alla Russia.

Presente sul territorio catanzarese ormai da qualche anno, l’Istituto di studi e cultura mitteleuropea e russofona “Levante” fa parte dell’associazione culturale “Mediterraneo” che nel tentativo di una maggiore radicalizzazione culturale a livello locale e regionale ha infatti inteso avviare l’attività di un centro studi e cultura che volgesse lo sguardo verso Est. Verso quella Europa dell’Est, del Centro e del Nord che da sempre fa cultura, da sempre fa notizia e che ora grazie all’allargamento dell’UE verso queste nuove realtà socio – politico – culturali sta facendo notizia anche qui da noi. In effetti non pochi sono i cittadini di questa parte d’Europa presenti sul nostro territorio.
Il fine principe dell’Istituto “Levante” è pertanto quello di promuovere la storia, la cultura, gli usi e le tradizioni in genere dei cittadini delle zone di lingua slava, russofana e di tutta la parte orientale dell’Europa. L’Istituto pertanto svolge attività di ricerca, insegnamento e mediazione culturale, con i paesi dell’Europa dell’Est, estendendo la sua sfera di interesse anche ai paesi russofoni. L’Istituto, nato su iniziativa di un gruppo di studiosi, italiani e stranieri, diretto dall’avv. Mario Astarita, ha in primo luogo l’intenzione di organizzare eventi culturali e di promuovere progetti di ricerca su temi di economia, politica, scienze sociali e culturali, offrendo proposte formative e di consulenza nello spirito di una cultura rivolta anche ai problemi di vita quotidiana delle persone residenti nel nostro paese e nell’Est Europa, con uno sguardo particolare ai bisogni della società civile e dell’associazionismo.

A tal fine l’Istituto “Levante” intende organizzare nel prossimo futuro una serie di incontri su temi di varia natura aventi ad oggetto in particolare l’attuale crisi socio – economica ed i possibili effetti di una moderna concezione neo – liberale. L’Istituto “Levante” svolgerà un attento approfondimento legato anche alle tematiche del prodotto turistico e culturale della nostra regione nei paesi del Nord ed Est Europa, al fine di valorizzare il patrimonio archeologico e culturale, con la partecipazione di organizzazioni governative sia locali che nazionali, coinvolgendo istituzioni, delegazioni diplomatiche, associazioni professionali, operatori turistici, docenti universitari e giornalisti.
L’Istituto ha altresì intenzione di proiettare filmati e documentari volti a svelare le potenzialità e le bellezze della nostra regione nei paesi interessati: favorendo anche scambi culturali volti ad una maggiore integrazione tra le diverse parti d’Europa e la Calabria. In tal senso verranno organizzate conferenze stampa, presentazione di progetti ed iniziative culturali, editoriali e multimediali, promuovendo una più attenta presenza della Calabria nell’Europa dell’Est e del Nord e di queste in Calabria.

L’Istituto “Levante” a tal fine auspica un’attenta collaborazione di Enti ed Istituzioni pubbliche con lo scopo principe di poter realizzare al meglio le proprie iniziative. L’Istituto di studi e cultura “Levante” si affianca alle altre realtà presenti già da tempo all’interno dell’Associazione culturale “Mediterraneo” come: il Centro studi “Calabria – Europa”, il periodico indipendente “Il Pensiero”, “l’Accademia del libro”, un vero e proprio salotto letterario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.