Ubriache e senza biglietto del treno spaventano viaggiatori, due donne denunciate

Due cittadine italiane, C.I., di anni 36, e L.R.C., di anni 57, entrambe residenti nella provincia di Catania, sono state denunciate, nella notte tra sabato e domenica, per interruzione di pubblico servizio. Il fatto è accaduto intorno le ore 20 dello scorso sabato 2 febbraio, a bordo di un treno regionale che stava viaggiando lungo la tratta Melito Porto Salvo (Reggio Calabria) – Paola (Cosenza), quando le due danno hanno iniziato a dare in escandescenze spaventando gli altri viaggiatori.

La più giovane in evidente stato di ebbrezza, avendo necessità di andare in bagno, spazientita per l’attesa, iniziava a battere i pugni contro la porta e ad imprecare. Dall’interno del bagno, nel frattempo, giungevano le spiegazioni dell’altra donna, che vi si era barricata per sottrarsi al controllo del capotreno, non essendo munita del biglietto del treno. Data la situazione, di agitazione generale, il capotreno ha richiesto l’intervento della polizia ferroviaria.

Allertate dalla Centrale Operativa due pattuglie della Sezione di Villa San Giovanni, poco dopo, salivano a bordo del treno, bloccato nella Stazione di Bagnara Calabra. Da quanto si apprende le due donne non erano propense a collaborare, e si erano rifiutate di esibire il documento di identità, fornendo false generalità, così per evitare ulteriori disagi ai passeggieri avendo il treno già accumulato un ora di ritardo, i poliziotti sono riusciti a far scendere dal treno le due donne. Le due donne sono state accompagnate negli uffici della Sezione di Villa San Giovanni per gli accertamenti di rito.

Una delle due donne, L.R.C, che da quanto appreso continuava ad evere un comportammento ostile nei confronti dei poliziotti, ha cercato di darsi alla fuga, ed è stata denunciata per resistenza a pubblico ufficiale e false dichiarazioni sulla identità personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.