Uccise una donna nel 2015 e bruciò il corpo, condannato all’ergastolo

La Corte d’assise di Cosenza ha condannato all’ergastolo Sergio Carrozzino, 46 anni, accusato dell’omicidio di Silvana Rodrigues De Matos. La sentenza è stata emessa nella tarda serata di ieri dalla Corte presieduta dal giudice Giovanni Garofalo.

La vittima, di 33 anni, era stata assassinata nel dicembre del 2015, strangolata e poi il suo corpo dato alle fiamme all’interno di un’autovettura, una Fiat Punto. I resti della donna – insieme all’auto – vennero ritrovati nella notte tra il 12 ed il 13 dicembre di 2017, vicino al cimitero di Belvedere Marittimo, nel Tirreno cosentino.

La donna, secondo la ricostruzione degli inquirenti, era uscita di casa per fare delle compere e non avrebbe piu’ fatto ritorno a casa. Era stato il marito a dare l’allarme. Le telecamere di videsorveglianza di un supermercato dove era stata la donna e la testimonianza di un passante, avevano messo in evidenza che un uomo era salito a bordo dell’auto della donna, si era messo alla guida per poi allontanarsi dal parcheggio.

Nel maggio del 2016 i carabinieri di Scalea arrestarono Carrozzino ritenendolo l’assassino: il movente sarebbe legato a presunte questioni passionali. Carrozzino un anno prima aveva anche finito di scontare una pena a 15 anni, per l’omicidio del fratello del cognato della stessa Rodrigues, ucciso nel 2002, quando la donna ancora viveva in Brasile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.