Uiltrasporti: Stato di agitazione del personale Deca depurazione

Servizio di depurazione reflui urbani a Lamezia Terme. Un forte caos,  la nascita e l’epilogo di una gestione!! Lavoratori sul piede di guerra.

Piattaforma_depurativa_Zona_industriale_S.Pietro-Lametino-1La nascita: il Consorzio industriale di Lamezia Terme ASICAT, e’ il proprietario della piattaforma depurativa di Lamezia Terme, la quale e’ stata trasferita dall’ex agenzia per la promozione e sviluppo del mezzogiorno.;

La conferenza dei sindaci dell’Ato2 Calabria nel marzo 2009, ha stabilito la riconsegna degli impianti agli enti competenti per il territorio;

I comuni di Lamezia Terme, Curinga, Falerna, Filadelfia e Gizzeria ricadono nell’Ato (ambito territoriale ottimale) n°2 Catanzaro facente  riferimento alla Legge Galli per i servizi idrici acquedotto, fognatura e depurazione comunali, quest’ultimi conferiscono i propri liquami reflui urbani nella piattaforma depurativa di Lamezia Terme zona industriale di San Pietro Lametino;

La proprietaria dell’impianto di depurazione (ASICAT) e i comuni hanno provveduto unitariamente per la gestione dando nascita ad una convenzione secondo quanto stabilito dall’art. 30, n°267/2000 (tutti i comuni Convenzionati in Firma (Lamezia Terme, Gizzeria, Falerna, Curinga e Filadelfia) che hanno aderito ed hanno deciso di affidare all’ASICAT di Lamezia Terme la qualita’ di ente capofila (22 Maggio 2009) con approvazione dal proprio consiglio comunale della convenzione ex art. 30 Dlgs 267/2000 e, dato incarico all’ ASICAT da parte di quest’ultimi a bandire la gara per l’individuazione del nuovo gestore attuale DECA,  attraverso la concessione di realizzazione di una nuova piattaforma depurativa ad integrazione/sostituzione dell’attuale atta a consentire la gestione, nel pieno rispetto della normativa di riferimento, delle acque provenienti dai comuni ricadenti nel Sottoambito Tirreno

In data 18 marzo  2010 e’ stata sottoscritta la convenzione tra asi e i comuni di Lamezia Terme, Gizzeria, Falerna, Curinga, e Filadelfia ove  specifica che ciascun comune garantisce la copertura finanziaria per la gestione, mettendo a bilancio le somme da trasferire all’Asi per le spese di gestione, altresi’ al fine di garantire  copertura finanziaria del contratto, tutte le somme di competenza di ogni comune vengono trasferite all’Asi entro un mese dalla trasmissione delle fatture.

Inoltre la suddetta convenzione che intercorre tra Asi e amministrazioni comunali  approvata da ogni singolo comune, conferisce un apposita delega al tesoriere a valere su quota dei canoni di depurazione riscossa tramite ruoli.

Al fine di rispettare le scadenze per il pagamento degli importi, unitamente, sia la societa’ di gestione che l’Asi, ai sensi dell’art. 26 della legge regionale  n° 23 del 2010, s’impegnano in caso di inadempimento dei comuni al pagamento, a far richiesta al presidente della giunta regionale della Regione Calabria, l’immediata nomina del commissario ad acta in sostituzione delle amministrazioni comunali stesse.

I FATTI

Piattaforma_depurativa_Zona_industriale_S.Pietro-Lametino-4La gestione   e’ affidata alla De.Ca s.r.l. dal novembre 2010, una societa’ che oggi ha cambiato l’immagine della piattaforma depurativa di Lamezia Terme dando quell’efficienza che mancava da circa un decennio, ma che oggi la vede confrontarsi con comuni conferitori che non pagano e disattendono tutto cio che si sono impegnati a garanzia del servizio, nell’atto di convenzione stipulato con la proprieta’ ASICAT.

Una societa’ che  all’origine   ha presentato all’atto del  progetto della gestione  due novita’:  una condotta a spinta sottomarina, a 500 metri dalla costa ad una profondita’ di 10 metri, e un impianto di trattamento bottini ma, ma alla fine di tutto cio che e’ stato presentato e portato all’attenzione delle istituzioni il” niet” da parte della Regione Calabria….belle parole, bei propositi da parte della politica… nessuna novita’

Dove sono andati finire gli impegni legali alla sottoscrizione della convenzione? Sono andati mica a finire nel sottoscala degli impegni  istituzionali?  O tanto per rimanere in materia in qualche pozzo nero?

troppo facile fare depurazione a danno di una proprieta’, di una societa’ gestione De.Ca s.r.l.,    ma soprattutto a danno delle famiglie degli operai che ogni mattina si recano presso la piattaforma e lungo la costa tirrena  a svolgere il proprio lavoro con onere e dignita’ per poi non portare a casa a causa delle insolvenze delle amministrazioni, la propria mensilita’ dovutagli…

Oggi gli operai manifestano  difficolta’ soprattutto per  recarsi presso il proprio posto di lavoro per mancanza di gasolio nelle proprie macchine per poi non parlare di tutto l’indotto familiare, la dignita’ dell’operaio non si calpesta, che sia ben chiaro.. Agli enti pubblici, alla politica, si ribadisce che chi lavora deve assolutamente essere retribuito: il lavoratore e’ degno della propria mercede, e questo e’ un principio indiscutibile.

L’operaio e’ la leva delle famiglie!!

 si ricorda cari comuni, che il bene “comune” non e’ fatto per pochi, ma e’ per tutti!

E’ doveroso ripristinare la legalita’ al fine di non  rimanere “vittime dei propri diritti”.

L’EVOLVERSI

Piattaforma_depurativa_Zona_industriale_S.Pietro-Lametino-3in data 25/01/2016  l’ ASICAT ha  comunicato a tutte le amministrazioni comunali in convenzione,  la convocazione del tavolo di gestione coordinata ed unitaria per il 26 gennaio alle ore 16,00 presso la sala giunte del comune di Lamezia Terme;

Nel corso della riunione in data 26 gennaio 2016 (con la sola partecipazione di tre sole amministrazioni comunali su cinque convocate), veniva rappresentata da parte dell’azienda la necessita improcrastinabile di  procedere al pagamento dei canoni arretrati, al tempo stesso  veniva sollecitata l’adozione dei provvedimenti che consentissero di ottenere la certificazione dei crediti per l’accesso al credito bancario.

Apprendiamo con amarezza oggi, visto nessun risultato di qualsivoglia riscontro rispetto alle richieste avanzate dalla societa’, soprattutto visto la non piu’ sostenibile situazione finanziaria derivanti dal perdurare infinito dello stato di inadempienze in materie di pagamenti dei soggetti in convenzione, per circa tre milioni di euro, che l’azienda ha comunicato la volonta’ di recedere anticipatamente dal vincolo contrattuale con l’avvio di tutte le azioni volte a risolvere il contratto d’appalto.

Come sigla sindacale UILTRASPORTI dopo tutti i risultati positivi in materia, non possiamo lasciar svanire un risultato cosi’ faticosamente raggiunto, soprattutto mai visto in termine di qualita’ del servizio e di efficienza, e per tale motivo,

invitiamo: l’ente appaltante ASICAT di Lamezia Terme  ad intervenire al ripristino della legalita’ nei confronti dei comuni conferitori firmatari in convenzione insolventi, soprattutto verso quegli impegni presi in data 18 marzo 2010 con la sottoscrizione ex art.30 D.Lgs n° 267 del 18/08/2000 n° 267, anche e soprattutto, attraverso, il presidente della giunta regionale della Regione Calabria per la nomina dei commissari ad acta in sostituzione delle amministrazioni comunali stesse, al fine di ottenere il pagamento dei canoni di depurazione dovuti affinche’ il concessionario possa continuare a svolgere la propria attivita’ al servizio del cittadino e soprattutto per il bene dei propri  operai e delle proprie famiglie.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.