Una bella nuova discarica dell’immondizia

La stampa regionale (nel senso di molto legata alla Regione!) c’informa con lode che, siccome la discarica di Alli è zeppa, verrà aperta un’altra discarica, ovviamente ad Alli.

Io chiedo… io chiedo, ma a chi? NON mi risponderanno di certo:

– la giunta regionale;
– la maggioranza regionale;
– la minoranza regionale, a parte che in Calabria maggioranza e minoranza sono due cuori e una capanna, ovvero sederino e camicia;
– gli intellettuali riuniti ad Africo per “iniziare una nuova narrazione della Calabria”: ahahahahahah;
– le università;
– gli ecologisti;
– eccetera;
– ah, non dimentichiamo 16 anni di commissari, tra cui, ma non solo, Chiaravalloti.

Nessuno mi risponderà… e del resto sono il solo a chiederlo, e il resto della Calabria se ne frega. Io chiedo di sapere:

– Se le discariche sono sature, sarà perché i rifiuti finiscono tutti in discarica?
– I rifiuti finiscono in discarica tutti assieme, anche se qualcuno, per amor di patria, fa la differenziata?
– Il sistema dell’immondizia costa alla Calabria, quanto?
– La Calabria riesce a riutilizzare, separatamente, carta plastica metalli umido eccetera?
– Ci guadagna qualcosa, la Calabria, o spende soltanto?
– Lo sanno, intellettuali e politicanti, che altrove con i rifiuti fanno soldi?

Sono domande lecite, anzi doverose; e domande cui si dovrebbe rispondere sì/no, senza giri di parole e comizi e richiami alla Magna Grecia, e fiaccolate antimafia segue cena.

E invece leggiamo che “tra cinque mesi”, manco subito, sarà aperta una nuova discarica. Quando anche questa sarà piena…

Ripeto, comunque: se alle prossime elezioni regionali vedrò candidato anche uno, 01, degli uscenti, siete tutti invitati da me in campagna. Portate soppressate e vino.

Ulderico Nisticò