Venerdì 24 Novembre a Badolato l’ottava Edizione di “Cento Cene per Slow Wine”

Venerdì 24 Novembre 2017 in quel di Badolato, presso la Trattoria Tipica “I Pirari” (loc.Barrena/Secula), si terrà l’ottava Edizione di “Cento Cene per Slow Wine” con momenti di confronto e discussione, proposte per il futuro, tradizioni e tipicità territoriali, promozione turistico-culturale ed enogastronomica,  convivialità e degustazioni. L’iniziativa, – che rientra in un ampio percorso progettuale partito a Badolato lo scorso novembre, – è stata promossa da Slow Food Soverato “Versante Ionico” e dalla Comunità Terra Madre “Borghi in Comunità” di Badolato, con la collaborazione dell’A.Op.T “Riviera e Borghi degli Angeli”.

La giornata sara’ articolata in due momenti. Una prima da una conferenza sulla valorizzazione e promozione di una tipicità del territorio quale il prodotto tipico dolciario “u mastazzolu e vinicottu”. Si tratta di un antichissimo dolce badolatese, in passato conosciuto come dolce tipico dei matrimoni. All’incontro parteciperanno esperti di Slow Food, aziende del territorio che da anni portano avanti questa tradizione e referenti-storici delle associazioni locali che racconteranno in maniera dettagliata quanto e come “u mastazzolu e vinicottu” abbia caratterizzato la tradizione culinaria e dolciaria locale ed anche la vita sociale e culturale contadina del territorio. Dalla conferenza si intende estrapolare delle idee-progettuali volte ad avanzare delle proposte precise che passeranno anche da una potenziale richiesta di istituzione di un marchio “De.Co”.

L’attività di tutela, valorizzazione e promozione di prodotti tipici puo’ passare anche da strumenti tipo questi, riconosciuti tali anche attraverso deliberazioni specifiche dei Consigli Comunali. In questa direzione, si proietta l’attività di Slow Food in quel di Badolato e che grazie alla Comunità Terra Madre “Borghi in Comunità”, e quasi sempre in collaborazione con “Riviera e Borghi degli Angeli”, sta mettendo in campo una serie di azioni multi-tematiche tra scuole, borgo antico, tipicità territoriali, proposte di turismo lento ed esperienziale. Infatti, si continuera’ con altre sulla pesca gialla autoctona badolatese, la “pitta” di Badolato tra antichi forni e “cocipana”,  percorsi di iniziative nelle scuole, rivitalizzazione del Borgo con progetto “Badolato Borgo Didattico” e “Slow Borgo”.

La serata del 24 Novembre prossimo sarà, inoltre, caratterizzata da una cena Slow Food con un menu della migliore tradizione mediterranea e con una selezione dei miglior vini italiani inclusi nella Guida Slow Wine 2018, che proprio in questa occasione verra’ presentata e data agli ospiti e partecipanti alla cena finale. Per info e dettagli sul programma e sull’organizzazione della serata è possibile dare uno sguardo alla locandina allegata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.