Via Crucis solitaria di un parroco con la croce nel catanzarese

Ha portato da solo la croce in spalla, attraversando le strade principali del paese. E’ la scelta altamente simbolica di don Roberto Tomaino che, ieri, ha tenuto da solo la Via Crucis a Soveria Mannelli, centro dell’entroterra catanzarese, rispettando le restrizioni legate al coronavirus.

Il sacerdote ha indossato l’abito rosso e ha portato a spalla una grande croce con Gesù Cristo. Con lui, durante il percorso, si sono uniti il capo scout Davide Rocca, e un parrocchiano che ha aiutato il presule, sempre rispettando le norme di sicurezza.

Un gesto altamente simbolico, vissuto con fede e commozione da tutta la popolazione che ha seguito la processione di don Roberto dalle finestre e dai balconi. In tanti, in lacrime, hanno reso la cerimonia ancora più suggestiva e toccante.