[VIDEO] Un grande squalo Mako mangia un tonno appena pescato, l’avvistamento dalla barca

Nel video amatoriale un grande squalo Mako mangia un tonno appena pescato: l’avvistamento dalla barca. Un gruppo di pescatori di diporto ha appena catturato un grosso tonno da 80 chili ma non hanno fatto i conti con uno squalo.

Un grande squalo Mako è stato avvistato al largo delle coste spagnole nel Mediterraneo. Le persone a bordo di una barca hanno notato la pinna del pesce spuntare dall’acqua, a pochi metri dalla loro imbarcazione, mentre stavano per portare in barca un tonno da 80 chili appena preso all’amo. Lo squalo balzando fuori dall’acqua, praticamente davanti ai diportisti, s’è impadronito della preda.

Uno sfortunato fuori programma per questi pescatori che erano ad un passo dal portare a casa un tonno di media taglia. Lo squalo però non si è dimostrato molto democratico e ha deciso di far sua la preda. Il Mako appartiene alla famiglia delle Lamnidae come lo squalo bianco.

Lo squalo Mako è un grande squalo. Le acque tropicali e subtropicali sono il suo habitat naturale. È presente, ma non comune, anche nel Mediterraneo. Si nutre di tonni, di calamari e di pesce azzurro. Lo squalo Mako adulto può raggiungere una velocità di nuotata pari a 70 km orari. La sua vita può raggiungere i 32 anni. Fa parte di una delle poche specie di squali in grado di saltare fuori dall’acqua anche ben oltre la lunghezza del proprio corpo: questa sua caratteristica lo rende imprevedibile negli attacchi, seppur rari, ed estremamente pericoloso per i pescatori.

Alcuni esemplari di squalo Mako possono superare i 4 metri di lunghezza. Nel Mediterraneo vivono circa 40 specie diverse di squali, molte delle quali innocui e non pericolosi per l’uomo. Nello specifico, il Mako è molto difficile incontrarlo nel Mediterraneo, ma di tanto in tanto succede che alcuni pescatori lo avvistino al largo delle coste, anche italiane o croate, come è successo, per ben due volte a distanza di pochi giorni nel 2019, a Macarsca, in Croazia a pochi metri dalla riva.

Tuttavia, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ciò che rende insolito l’avvistamento di squali Mako nel Mediterraneo è il fatto che il predatore è stato avvistato così vicino alla riva anche se non c’è motivo di farsi prendere dal panico per gli attacchi di squali. Nella maggioranza dei casi questi animali evitano il contatto con gli umani e non si avvicinano né attaccano se non provocati. Ecco il video: