Violento scontro sulla Statale 106, pensionato muore in ospedale dopo un mese di agonia

Non ce l’ha fatta Ilario Ierinò, l’83enne di origini calabresi ma residente a Roma, nel quartiere Portuense, dov’era molto conosciuto, e rimasto coinvolto con la moglie, il 19 agosto scorso, in un terribile incidente sulla Statale 106, appena fuori il centro abitato di Roccella Jonica, nel reggino.
Si allunga dunque lo stillicidio di vittime della cosiddetta “strada delle morte”, ben dieci dall’inizio dell’anno nel solo tratto calabro.
L’anziano è deceduto giovedì scorso, 19 settembre, dopo un mese di agonia nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Locri dove era ricoverato per i gravi traumi subiti.
Ierinò e la moglie Grazia, di 71 anni, originari rispettivamente di Roccella Jonica e Caulonia, erano tornati per le vacanze nella loro regione e quel giorno, verso le 8 del mattino, percorrevano la Statale 106 in direzione di Caulonia su una Fiat Punto condotta dall’uomo e con a bordo anche la sorella della moglie.

All’improvviso, all’altezza del km 116, si sarebbe parata davanti una Renault Twingo – condotta da R.P., una 31nne di Caulonia, e con a bordo anche un bambino – che procedeva nel senso opposto e che, per cause che andranno accertate dagli inquirenti, avrebbe invaso la corsia di marcia.
L’impatto, frontale-laterale, è stato inevitabile e tremendo. Per consentire i soccorsi delle persone coinvolte, tutte ferite, i rilievi – sono intervenuti i carabinieri di Roccella Jonica e gli agenti della Polizia Stradale di Locri – e la rimozione dei mezzi, l’Anas ha dovuto anche chiudere al traffico la strada in entrambe le direzioni.

Ad avere la peggio (gli altri, compreso il bimbo, per fortuna se la solo cavata con ferite non gravi) sono stati appunto i due coniugi: la donna, che in un primo momento sembrava la più grave, è stata elitrasportata all’ospedale di Reggio Calabria. Si è fratturata, tra le altre cose, una decina di costole e una vertebra: è stata dimessa il 29 agosto ma ne avrà per oltre 50 giorni. Ancora più seria e delicata si è rivelata la situazione del marito, trasportato in ambulanza al nosocomio di Locri.

L’ottantatreenne, invece, ha riportato un violento trauma toracico, oltre ad altre lesioni importanti tra cui la frattura di un femore: appena arrivato ha avuto anche un arresto cardiaco durante la lunga attesa al Pronto Soccorso e gli hanno dovuto asportare la milza, spappolata. Poi è rimasto per svariati giorni in coma, prima indotto, poi “naturale”, sempre in Rianimazione.

Un quadro clinico troppo compromesso, anche in ragione all’età, che non è riuscito a superare e alla fine il suo cuore ha cessato di battere, gettando nello sconforto i suoi cari.
L’anziano pensionato, emigrato fin da giovane a Roma, e che ha lavorato per una vita come magazziniere nel deposito della Pasta Barilla, a Pomezia, oltre alla moglie Grazia lascia tre figli, Vincenzo, Francesco e Paolo, e due nipoti. Non ancora fissata la data dei funerali in attesa di decisioni dell’autorità giudiziaria, che potrebbe disporre l’autopsia.