Voucher digitalizzazione imprese in Calabria: ecco come richiederlo

La quarta rivoluzione industriale ha avuto un impatto clamoroso e rivoluzionario, appunto, sul mondo dell’industria e del lavoro. Sotto la spinta delle nuove tecnologie, infatti, le aziende hanno capito quanto sia importante iniziare ad adottare sempre di più le nuove soluzioni al loro interno, in modo da stare al passo coi tempi e trarne enorme vantaggio sia in termini economici che per quanto concerne la qualità del lavoro.

Ed è così che le varie organizzazioni regionali si sono messe a lavoro per studiare soluzioni vantaggiose per le aziende e per i lavoratori. In questa direzione va l’introduzione del voucher promosso dal Ministero dello Sviluppo economico per incentivare le imprese della Calabria nei processi di digitalizzazione. L’obiettivo è quello di rendere le aziende calabre innovative ed al passo coi tempi e la tecnologia.

Il processo di digitalizzazione delle micro, piccole e medie imprese, purtroppo, rimane uno scoglio invalicabile soprattutto al sud dove la crisi economica è ancora ben presente. Le imprese non hanno grandi risorse economiche, non sono correttamente informate, educate e guidate verso i processi di digitalizzazione e quindi non riescono a far decollare le proprie attività verso l’innovazione, così rimangono bloccate e vincolate ai vecchi ed obsoleti metodi che non consentono processi di crescita nell’affrontare i mercati italiani, europei e mondiali.

Questa misura agevolata dà l’opportunità di avere un importo pari ad un massimo di 10mila euro, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili, finalizzato all’adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico.

La Regione Calabria ha attivato, nella sede Regionale del Polo Digitale, uno sportello informativo gratuito che permette di dare risposte ai titolari e ai dirigenti di aziende interessati alla misura. Il voucher è utilizzabile per l’acquisto di software, hardware e/o servizi specialistici che consentano di: migliorare l’efficienza aziendale; modernizzare l’organizzazione del lavoro, mediante l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro; sviluppare soluzioni di e-commerce; fruire della connettività a banda larga e ultralarga o del collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare; realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT. Gli acquisti devono essere effettuati successivamente alla prenotazione del Voucher.

Come richiedere il voucher

Dal 30 gennaio 2018 le imprese potranno presentare domanda per l’accesso ai contributi del bando voucher digitalizzazione PMI per interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico. L’importo del voucher riconosciuto a ciascuna impresa verrà determinato ripartendo le risorse finanziarie disponibili in proporzione al fabbisogno derivante dalla concessione del voucher da assegnare. Per accedere alla procedura informatica bisogna essere in possesso oltre che di una casella PEC attiva e registrata nel Registro delle imprese, anche della Carta nazionale dei servizi e del relativo PIN rilasciato con la stessa.

Un’ottima occasione per tutte le aziende calabre che possono, così, mettersi al pari delle realtà che già hanno iniziato il processo di digitalizzazione all’interno delle proprie aziende.

Riferimenti:

  1. https://it.efax.com/blog/digitalizzazione-di-impresa

 

  1. http://www.confartigianatocalabria.it/articoli-hp/67-digitalizzazione-pmi-pronti-voucher-di-10-000-euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.