A Catanzaro il convegno “Hiv e Aids, oltre lo stigma”

In occasione della Giornata mondiale contro l’Aids 2018, istituita dalle Nazioni Unite per accrescere la coscienza individuale e collettiva rispetto ad un fenomeno ancora ad oggi drammatico nelle sue varie sfaccettature, si terrà un Convegno in data 29 novembre alle ore 14 nell’aula Falcone e Borsellino dell’Università Magna Graecia promosso dalla rappresentante degli studenti Adriana Costa e dall’associazione studentesca INSIEME dal titolo “Hiv e Aids, oltre lo stigma”.

L’Onu attraverso il programma UNAIDS ha posto come obiettivi prioritari quelli della prevenzione, della sensibilizzazione, ma anche della riduzione della discriminazione nei confronti delle persone sieropositive e favorire il loro accesso alle cure.

Lo “stigma” di cui si intende parlare sono i pregiudizi, gli atteggiamenti negativi e gli abusi nei confronti delle persone con Hiv e Aids o di quelle maggiormente a rischio esposizione. Discriminazioni che avvengono in base allo stato di salute effettivo o percepito, la razza, lo stato socio economico, l’orientamento sessuale e tante altre motivazioni che rendono meno vivibile delle vite già difficili.
Miti, disinformazione, fakenews, servizi negati a fronte, invece, di un più consono approccio ai diritti umani e al diritto fondamentale alla salute delle persone con Hiv e Aids.
In un’ottica multidisciplinare e con professionisti di livello dell’Ateneo si ragionerà su vari aspetti: giuridico, sociologico, psicologico e medico, ma anche giornalistico grazie alla moderazione del Presidente di Liberi.tv e militante per i diritti civili Riccardo Cristiano.

Al convegno interverranno la dottoressa Alessia Bausone per la parte giuridica, dottoranda di ricerca, il professore Charlie Barnao per gli aspetti sociologici, la professoressa Cristina Segura Garcia per gli aspetti psicologico-psichiatrici, il professor Carlo Torti per la parte medica e dottor Ruggero Freddi dell’Università di Roma La Sapienza come testimonianza di attivismo e impegno nazionale a favore della prevenzione.

Ancora una volta l’Ateneo catanzarese e i suoi studenti si dimostrano sensibili e attenti a tematiche sentite e attuali. L’evento, in fase di accreditamento per gli studenti del Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Sociologia è aperto a tutti, singoli e associazioni, che vorranno presenziare e intervenire dando il proprio contributo.

ALTRI ARTICOLI