Badolato – Crollo tetto della chiesa di San Domenico, nota del consigliere regionale on. Sinibaldo Esposito

badolato1“Il crollo parziale del tetto della chiesa di San Domenico a Badolato è un serio campanello d’allarme che non è possibile sottovalutare. Occorre che la Regione Calabria, in sintonia con il Comune di Badolato e il Ministero dei Beni culturali, predisponga un concreto piano per la tutela di uno dei più bei borghi non solo della Calabria, ma dell’intero Meridione”.
Lo sostiene, in una nota, il consigliere regionale del NCD, Sinibaldo Esposito, che, dopo aver lungamente interloquito con il presidente della commissione straordinaria viceprefetto Umberto Campini e con il responsabile dell’utc arch. Giuseppe Carnuccio, ha annunciato di avere già contattato il dirigente generale ai lavori pubblici per segnalare l’esigenza di un intervento di messa in sicurezza di tutto il centro storico badolatese, a cominciare dalla storica chiesa di San Domenico, meglio nota come il Monastero e sede di una delle più antiche confraternite badolatesi.
“Non è più tempo di interventi episodici – ha dichiarato Esposito –. Se si vuole davvero puntare sulle eccellenze turistiche calabresi, la salvaguardia del borgo antico di Badolato deve essere messa ai primi posti dell’agenda del governo regionale. San Domenico poi rappresenta un episodio architettonico e storico molto importante, facendo parte nell’antichità del complesso conventuale dei domenicani. Le istituzioni non possono assistere passivamente al degrado di un patrimonio assolutamente unico che appartiene, si badi bene, non solo alla comunità badolatese ma all’intera Calabria. Sono certo che il presidente Oliverio, l’assessore ai lavori pubblici e le strutture dei dipartimenti interessati si attiveranno intanto per un intervento di emergenza a tutela della chiesa di San Domenico. Ma mi aspetto soprattutto che la Regione avvii un programma complessivo, individuando le risorse necessarie per evitare che il borgo antico di Badolato vada verso un degrado irreversibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.