Borgia, Sindaco Fusto: “la differenziata porta a porta non si ferma, anzi …

Sindaco FustoFumata bianca, dopo l’incontro di tentativo di conciliazione in Prefettura, a cui ha preso parte anche una rappresentanza dell’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco, per l’intesa tra i rappresentanti dei lavoratori e la Sear, società che si occupa della raccolta dei rifiuti su tutto il territorio comunale di Borgia, i cui lavoratori avevano deciso di incrociare le braccia dopo il mancato pagamento degli stipendi.
A darne notizia ed a comunicare – sempre attraverso una nota diffusa dal responsabile dell’Ufficio Stampa –la propria soddisfazione per il raggiunto accordo e per l’impegno della Sear a pagare i lavoratori, lo stesso sindaco Fusto che ha aggiunto: “Abbiamo a cuore la sorte dei lavoratori e delle loro famiglie e sappiamo che essi, dal canto loro, sono sinceramente dediti all’importante servizio che svolgono per la Comunità”.
Da evidenziare – ha chiosato lo stesso primo cittadino – l’importante ruolo del Prefetto nella vicenda che, seppure non formalmente parte attiva, ha comunque svolto un efficace funzione di mediatore, rivolto a tutti un accorato appello al senso di responsabilità, invitato qualcuno a scendere dalla luna e a riflettere sul delicato momento di crisi che stanno attraversando gli enti locali.
Il Comune – ha evidenziato il Sindaco – che è certamente dalla parte dei lavoratori, per quanto di competenza provvederà in questa settimana a saldare una fattura alla società gestore del servizio RSU per un importo mensile di oltre 50.000 euro (con una parte dei quali, 13.000 circa, entro i 3 giorni successivi, potrà essere corrisposta una mensilità ai lavoratori).
Inoltre, se le condizioni di liquidità di cassa lo consentiranno, una ulteriore fattura (che consentirà il pagamento di altra mensilità di stipendio e quattordicesima ai dipendenti Sear) verrà pagata entro la fine del mese di luglio.
In precedenza – ha spiegato ancora Fusto – vi era stato un altro incontro presso il Comune di Borgia – a cui non aveva preso parte la Sear – nel corso del quale l’amministrazione cittadina aveva evidenziato l’inesistenza di una diretta causalità, quindi di un nesso causa-effetto, tra i mancati pagamenti dei lavoratori, di esclusiva competenza della ditta aggiudicatrice del servizio, ed i rapporti tra questa ed il comune. Sempre in quella circostanza, era stato inoltre ricordato come molte amministrazioni ed enti territoriali – causa le contingenti difficoltà economiche della P.A. e del Paese in generale – siano costrette a pagare i servizi ricevuti in ritardo, alle volte con una dilazione che può raggiungere i 900 giorni, ma ciò non deve e non può comunque giustificare il fatto che i lavoratori debbano attendere i pagamenti della P.A. per ricevere lo stipendio.
A margine dell’incontro davanti al Prefetto – ha evidenziato il sindaco Fusto – l’Amministrazione comunale, per il mio tramite e per come già anticipato tramite il responsabile del servizio e del procedimento, ha poi chiesto alla ditta di provvedere alla pulizia delle aree in cui è ricresciuta l’erba, nonchè di attivarsi affinchè siano rimosse anche le campane stradali di raccolta del vetro, atteso che in corrispondenza di queste si trova spesso un accumulo di vetro lasciato fuori nelle buste.
Più in dettaglio – ha chiosato ancora Fusto – si è stabilito di procedere, dal primo settembre ed a partire dalle frazioni cittadine, alla rimozione delle campane di vetro e di effettuare la raccolta porta a porta con una frequenza bisettimanale.
Se la progressiva sperimentazione del “porta a porta” nelle frazioni darà i risultati auspicati, si procederà ad estendere questo tipo di raccolta anche al centro storico ed alla successiva rimozione totale, anche in centro, delle campane.
Per il mese di ottobre l’Amministrazione conta, inoltre, di avere realizzata, in viale della Resistenza, l’isola ecologica cittadina dove i cittadini potranno conferire ogni giorno le diverse tipologie di rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata, nonchè i RAEE, gli ingombranti, il legno, ecc…
Per quanto riguarda poi le aree a verde sarà avviato un progetto sperimentale seguito dal sociologo del Distretto socio-sanitario di Catanzaro lido dott. Caccia, responsabile del progetto Home care premium, per stimolare le abilità e capacità cognitive dei nostri concittadini non autosufficienti.
In tal modo – ha spiegato il Sindaco nel concludere – speriamo di evitare le problematiche precedentemente riscontrate e di offrire a tutti i cittadini di Borgia ulteriori e più efficaci servizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.