Duplice omicidio a Davoli, gli inquirenti battono la pista passionale

C’è la vita privata e sentimentale della coppia uccisa a Davoli nel pomeriggio di ieri, all’interno di una tabaccheria, al centro delle indagini avviate dai carabinieri. Gli investigatori mantengono il massimo riserbo, ma sotto la lente vi sarebbero le minacce dell’ex compagno della donna che lei avrebbe comunque denunciato.

La gelosia dell’ex si sarebbe acuita da quando Francesca Petrolini aveva intrapreso una nuova relazione sentimentale. L’obiettivo degli inquirenti è quello di capire se l’uomo dalle minacce sia passato ai fatti.

Intanto si va definire la dinamica del duplice agguato mortale. Il killer è entrato in azione all’interno della tabaccheria di Francesca Petrolini, 53 anni, che si trovava in quel momento in compagnia del 43enne Rocco Bava di Simbario. Numerosi i colpi di pistola esplosi all’indirizzo della coppia.

La proprietaria dell’attività è deceduta sul colpo, il suo compagno poco dopo l’arrivo dei sanitari del 118. L’uomo, residente a Simbario in provincia di Vibo Valentia, pur ferito in varie parti del corpo, avrebbe tentato una fuga disperata ma è stato raggiunto e finito dal killer all’esterno della tabaccheria. Immediate sono scattate le indagini. A lavoro da ieri sera ci sono i carabinieri della Compagnia di Soverato e del Comando provinciale di Catanzaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.