Ergastolani scrivono al Papa: “Il carcere a vita è disumano”

ergastolaniÉ un ergastolano crotonese, Giovanni Lentini, di 41 anni, l’ideatore dell’iniziativa che vede seicento ergastolani rivolgersi al Papa per denunciare che “il carcere a vita è disumano”. Lentini, che sta scontando la condanna a Fossombrone, ha raccolto le firme di centinaia di persone detenute in diverse carceri italiane e sul cui certificato appare fine pena 12/12/9999. La lettera è stata recapitata a Papa Francesco, che ha risposto attraverso l’ispettore generale dei cappellani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.