il grande scrittore di thriller Jeffery Deaver incontra gli studenti del Liceo “E. Fermi” di Catanzaro

“I libri mettono in contatto le persone”: parola di uno scrittore mondiale

_DSC0155 (1024x681)Il calore degli studenti del Liceo delle Scienze Umane “E. Fermi” di Catanzaro ha accolto il grande scrittore di thriller Jeffery Deaver. L’appuntamento è stato organizzato dalla Ubik di Catanzaro che sta realizzando un grande lavoro culturale sul territorio, coinvolgendo sempre più persone intorno allo straordinario mondo della lettura.

L’incontro, svoltosi nell’Auditorium della scuola, è stato aperto dal dirigente scolastico, Luigi Macrì, che ha espresso la sua gioia nell’ospitare un personaggio di tal livello.

Il noto autore è stato presentato alla platea direttamente in lingua inglese da una studentessa.

Deaver ha descritto il suo ultimo lavoro “Hard News” (ultima avventura della “Trilogia di Rune”): <<Lo scopo della protagonista è quello di scoprire la verità ad ogni costo. I due temi centrali del libro sono, da un lato, la responsabilità del giornalismo che deve sempre raccontare i fatti in modo veritiero e, dall’altro, il sistema della giustizia penale dove, spesso, vengono accusate persone innocenti>>.

Deaver si è raccontato ai ragazzi con semplicità e ironia: <<Mi sono accostato alla scrittura sin dall’età di 10 anni. Mi piaceva andare in biblioteca per leggere e così trascorrevo la maggior parte del mio tempo. Mi piacevano le storie di Agatha Christie e Sherlock Holmes, racconti di coraggio dove si narrava la lotta tra il bene e il male. I libri sono importanti perché insegnano tante cose e sono un modo per entrare in contatto con altre persone. Ho deciso da piccolo che avrei fatto lo scrittore.>>

Tante le domande poste dagli studenti che hanno permesso di conoscere meglio lo scrittore.

<<E’ fondamentale non lasciarsi trasportare troppo dai propri personaggi e tenere sempre un piede nella realtà – ha aggiunto Deaver. – Quando scrivo sono due gli elementi essenziali sui quali mi concentro: l’aspetto strutturale della storia e, ovviamente, l’immaginazione. Consigli per chi voglia scrivere? E’ importante pensare a chi saranno i fruitori della storia per rendere la lettura ancora più gradevole. Un libro deve avere un ritmo veloce, emozionare e far riflettere.>>

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.