Il mondo delle moto, passione e prevenzione

Intervista di Rita Tulelli, presidente dell’associazione “Universo Minori”, ad un centauro catanzarese riguardante la sua passione per le moto e consigli di prevenzione.

moto2 1) A quale età ti è venuta la passione delle moto?

La curiosità per le moto  è nata sin da piccolo (circa 5 anni)  appena un parente mi fece fare un giretto dopo aver mangiato perché piangevo…  Da quel momento è stato amore,niente e nessuno è riuscito mai a distogliermi dal sogno di possedere una moto tutta mia,o dal praticare altri sport.

 2) Dimmi tre aggettivi per descrivere un viaggio in moto.

Beh,un viaggio in moto,come ogni mia salita sulla sella, per me esprime la piena libertà, lo sgombro totale dei pensieri…ecco si la spensieratezza, tutti elementi che servono OBBLIGATORIAMENTE per godermi a pieno i tragitti,i paesaggi ed il suono che la mia compagna di viaggio emette.

Il divertimento, che i diversi stili di guida offrono, nell’affrontare le strade scoprendo anche per sbaglio nuovi itinerari.

Le nuove conoscenze che questa passione/amore ci dà l’opportunità di fare in quanto i MOTOCICLISTI sono come una famiglia,è infatti raro vedere un motociclista che ha problemi ed è fermo a bordo strada rimanere solo in panne,il primo “fratello” o il primo gruppo di “fratelli” di passaggio di sicuro si fermerà per prestare aiuto a titolo GRATUITO.

 3) Quali itinerari in moto preferisci? quale itinerario è stato più bello?

Beh, per il tipo di moto che possiedo i viaggi sono sconsigliati in quanto risulterebbero scomodi soprattutto per il passeggero,ma posso dire, e chi mi conosce lo sa, che non m’importa quale sia l’itinerario ma bensì percorrere quanti più chilometri possibile.

Se proprio dovessi scegliere un itinerario preferirei quello di montagna, dato che mi affascina molto di più rispetto al mare e/o la campagna,dove quando ci si sente stanchi,ci si può fermare in una delle apposite aree a fare dei barbecue approfittandone per discutere e confrontarsi con le esperienze le sensazioni e le emozioni  degli altri motociclisti,per poi fare un bel riposino e subito dopo proseguire a pancia piena e senza essere stanchi alla scoperta di nuovi percorsi.

 4) Cosa bisogna fare prima di partire in moto?

E’ essenziale ogniqualvolta ci si accinge a salire in moto,che si tratti di un lungo o breve tragitto,controllare l’efficienza di essa (olio freni catena luci e frecce),portare sempre con se un piccolo kit di riparazione gomme e di chiavi inglesi o esagonali per eventuali piccole riparazioni.

Controllare le previsioni meteo,ed avere un abbigliamento adatto sia al tipo di moto che alle condizioni metereologiche di fronte alle quali ci potremmo ritrovare improvvisamente (giubbotti e pantaloni tecnici ed anche tute intere antipioggia).

 5) Quali consigli ritieni di dare ai giovani che si avvicinano alle moto?

I consigli utili per tutti coloro i quali si stanno avvicinando alle MOTO sono semplici:con criterio e pazienza cercare pian piano di conoscere la moto ancor prima di girare tutto il gas.

Uscire inizialmente con persone che conoscono già da anni le moto e che soprattutto conoscono bene il tragitto che si vuole percorrere.

Utilizzare sempre un abbigliamento adeguato alla moto che si sta per utilizzare.

Tenere sempre a mente che la strada NON è una pista e che quindi le condizioni del manto stradale che magari  abbiamo percorso fino a ieri possono cambiare ad esempio sabbia in una curvaolio appena perso da una macchina,un gatto o un bambino che all’improvviso ci possono spuntare per strada.

Purtroppo Catanzaro non offre a chi vuole avvicinarsi ad una guida sportiva l’opportunità di poterlo fare in quanto esistono solo circuiti idonei al motocross e non alla velocità,per questo motivo,  chi avesse così tanta voglia di correre e sfogare il Valentino Rossi che è in se, con degli altri appassionati e grazie ad un grande amico e maestro a costi veramente irrisori si organizzano dei viaggi in diversi circuiti comprensivi di carico trasporto e scarico delle moto includendo ovviamente nelle quote anche i pranzi e le cene.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.