Infiltrazioni della ‘Ndrangheta a Milano, chieste condanne fino a 19 anni

pm1I pm della Dda di Milano Marcello Tatangelo e Paola Biondolillo hanno chiesto la condanna a pene fino a 19 anni e mezzo di carcere per 6 persone arrestate lo scorso dicembre nell’ambito dell’inchiesta ‘Rinnovamento’ sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta nel capoluogo lombardo. La pena più alta è stata chiesta per Vincenzo Martino, fratello di Giulio Martino, il presunto capo della cosca legata al clan di Reggio Calabria Libri-De Stefano-Tegano che lo scorso 27 luglio era stato condannato a 20 anni di reclusione con rito abbreviato. Sono stati chiesti, inoltre, 14 anni e un mese di carcere per un altro fratello, Domenico Martino, e 3 anni di reclusione per un ex poliziotto, Marco Johnson, accusato di corruzione. Il processo, alla settima sezione penale del Tribunale di Milano, è stato rinviato al prossimo 28 ottobre, quando inizieranno gli interventi delle difese. Lo scorso 27 luglio altre 40 persone coinvolte nella stessa inchiesta e processate con rito abbreviato erano state condannate a pene fino a 20 anni di carcere. Tra loro l’imprenditore Cristiano Sala, che avrebbe cercato di mettere le mani sul servizio catering per le partite del Milan allo stadio San Siro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.