La Ciclostaffetta della Pace “In bici da Roma a Riace” farà tappa anche a Badolato

Sono partiti in 45 da Roma alle prime luci dell’alba di Sabato 16 Febbraio, dal Baobab Experience, con l’obiettivo di raggiungere subito Napoli, Comune che ha subito ufficializzato il proprio patrocinio e supporto istituzionale all’iniziativa nazionale. I ciclo-amatori della pace hanno poi attraversato l’Ardeatina e l’Appia arrivando prima in Campania ed in seguito in Basilicata. Si trovano da un paio di giorni in Calabria, ora a Lamezia, dopo due importanti tappe fatte a Diamante e Paola. Presto arriveranno sulla nostra costa ionica con una sosta prevista a Soverato.

La Ciclostaffetta della Pace punta ad arrivare a Riace Domenica 24 febbraio, passando anche da Caulonia per un abbraccio fraterno a Mimmo Lucano. L’iniziativa nazionale farà una breve tappa intermedia a Badolato, paese dell’accoglienza-ospitalità e solidarietà, nella stessa mattinata di domenica prossima. Il borgo accoglierà simbolicamente tutto il gruppo della Ciclostaffetta della Pace con un momento informale di benvenuto e interscambio che vedrà protagonisti anche e soprattutto i nostri fratelli migranti, ospiti dello SPRAR locale, rappresentanti delle Istituzioni cittadine e di alcune associazioni del territorio.

Chiunque volesse condividere questo momento di benvenuto è invitato, con o senza bicicletta, a raggiungerci alle ore 10 a Badolato borgo in piazza Castello. La Ciclostaffetta della Pace è la dimostrazione che con le giuste motivazioni si possono letteralmente scalare le montagne, sensibilizzare le comunità provando a superare barriere, limiti e preconcetti. La Ciclostaffetta della Pace è la dimostrazione che un altro Mondo non solo è oggi possibile ma altresì necessario ed urgente, lontano dai nuovi rigurgiti xenofobi e razzisti.

Si potrà far di tutto per provare a smantellare un modello di accoglienza nazionale diffuso virtuoso, – a botte di decreti legge, chiusura di porti e respingimenti irragionevoli, – ma nessuno riuscirà ad arrestare le idee di fratellanza, solidarietà, umanità e dignità che lo sostengono e lo hanno reso tale in questi oltre 20 anni.