La politica e la Volley

uldericoLa nostra debolezza economica e finanziaria pesa anche sulle attività sociali e culturali; e mentre le compagini sportive, e, in genere, le forme di socialità possono contare, altrove, sull’aiuto più o meno interessato di ricche imprese private, qui da noi non ce ne sono, o, quelle poche, non sempre ci sanno fare!
Non resta che la politica: Stato, Regione, Provincia, Comuni, enti vari. Lo Stato italiano non ha una politica per lo sport, e qualche altra volta vi spiego perché. Regione, Provincia, Comuni, enti vari non sono d’aiuto per ragioni meno ideologiche, molto più terra terra: in Calabria la tattica è poco a tutti, e tutti contenti e nessuno.
Si leggono cifre ridicole per progetti grandiosi quali il restauro di edifici imponenti: l’assessore di turno ci fa figura una mattinata, il sindaco di turno annunzia sfracelli, e alla fine sono soldi sprecati.
Lo stesso per il sostegno alle realtà sociali, mandate avanti – avanti, si fa per dire – a colpi di 5.000, massimo 10.000 euro della sagra della nduja spacciata per cultura: Lévy Strauss della domenica. Contenta la Proloco… che poi manco vota per l’assessore: per 5.000 euro, si permette persino libertà di pensiero!
La Calabria è vero che pullula di squadre e squadrette di ogni disciplina sportiva, e che tutte vantano la loro parte di antropologia culturale e, guarda un po’, funzione antimafia segue cena; e tutte chiedono 5.000 euro, e tutte, prima o poi, li ottengono. Tutti contenti, e soldi sprecati.
Di fatto, dopo l’eclisse del calcio, restano due sole compagini degne di considerazione: la Callipo di Vibo e la Volley Soverato; queste sole portano il nome della Calabria in tutta Italia, e ospitano forestieri da tutta Italia; e mostrano una Calabria senza sottotitoli e giudici ammazzati e luoghi osceni anni 1950. Vengono a Soverato per giocare, sono ospitati con eleganza e professionalità, non li deruba e non li infastidisce nessuno; danno un’occhiata al mare, a dei negozi decorosi… Insomma, per la Calabria è pubblicità preziosa e gratis.
A questo punto, Regione, Provincia anzi Province, Comuni, enti vari devono intervenire assumendosi la responsabilità politiche della scelta; e mostrando il coraggio di smetterla con i 5.000 euro a tutti, affermando che l’interesse della nostra terra è per tutti uno solo e tutto assieme, e chi lo esalta ha più meriti, e anche più bisogni.
E non mi si risponda che l’articolo che so io della legge quella dell’Europa quell’altra… se la politica deve rispondere così, che ci sta a fare? Se si tratta solo di applicare scartoffie, bastano gli scaldasedie, e i politici se ne possono tornare alle loro faccende… quelli che ne hanno.
Basta una legge che offra alla Volley come alla Callipo se non denaro, servizi: che so, quando vanno in trasferta, pagare il viaggio e il soggiorno; e giustificare politicamente la spesa con il vantaggio d’immagine che ne trae non Soverato e non ne trae Vibo, ma ne trae l’intera comunità calabrese. Ci vuole la politica, non la cartuccella, anche per il sostegno alle attività sportive.

Ulderico Nisticò

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.