Montauro – Nuovo ricorso al Consiglio di Stato contro l’esito delle elezioni

Non c’è pace nel Comune di Montauro. Cade nel vuoto l’invito del sindaco Roberto Franco di deporre l’ascia di guerra e collaborare: il gruppo “Lavoriamo insieme per Montauro” deposita l’appello contro la sentenza del Tar per, chiedere al Consiglio di Stato l’annullamento del risultato delle elezioni della scorsa primavera.

Il gruppo nato attorno a Giuseppe Schipani, oggi capogruppo di minoranza, continua a chiedere il ribaltone, e l’annullamento di quelle elezioni perse per soli 4 voti di scarto. «Dal conteggio dei voti che si è svolto nella Prefettura di Catanzaro – scrive in un comunicato il gruppo politico – é emerso in maniera chiara e senza equivoci che è stata la nostra lista ad aver vinto le elezioni comunali del 10 giugno 2018.

É evidente a tutti, anche agli amministratori di “Progetto Montauro” che erano presenti alla seduta, che sono state rinvenute 9 schede ingiustamente non attribuite alla nostra lista (3 annullate e 6 attribuite alla lista avversaria) e 3 schede ingiustamente attribuite alla lista avversaria che dovevano essere annullate. Da qui l’evidenza che il risultato effettivo sarebbe dovuto essere di 593 voti per la lista capeggiata da Giuseppe Schipani e 589 per la lista avversaria. É chiaro a tutti chi è il vincitore morale delle elezioni. Per questo abbiamo depositato appello al Consiglio di Stato».

Sabrina Amoroso – Articolo completo su Gazzetta del Sud

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.