‘Ndrangheta – Boss condannato a 30 anni per omicidio commesso nel 1976

martelletto1E’ stato condannato a 30 anni di carcere dal gup di Milano Alessandra Simion il boss della ‘ndrangheta Rocco Papalia, ritenuto responsabile di un omicidio avvenuto nel capoluogo lombardo il 9 ottobre 1976, quando un uomo, Giuseppe De Rosa, venne ucciso a colpi di pistola fuori da una discoteca. Il ‘cold case’ è stato risolto nel dicembre scorso, grazie a un’intercettazione registrata dai carabinieri il 22 aprile 2012 nell’ambito dell’inchiesta ‘Platino’ coordinata dalla Dda di Milano, quando è stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del boss, accusato di omicidio volontario. Papalia, già detenuto per altri reati, aveva scelto di essere processato con rito abbreviato, che consente lo sconto di un terzo della pena. Il gup oggi ha accolto la richiesta del pm Paolo Storari, condannandolo a 30 anni di carcere.

Quello di Giuseppe De Rosa fu uno tra i primi omicidi commessi nella provincia di Milano finalizzato ad affermare la potenza intimidatrice del gruppo criminale ‘ndranghetista dei Papalia, noto all’epoca come il ‘clan dei calabresi’. Un delitto rimasto irrisolto fino a quando non è stata registrata una conversazione in auto tra Agostino Catanzariti e Michele Grillo, entrambi arrestati nell’operazione ‘Platino’. Passando davanti a un campo rom a Trezzano sul Naviglio (Milano), i due si lanciarono in un ‘amarcord’ criminale che comprendeva anche l’omicidio di De Rosa, appartenente a una famiglia di nomadi. Nel 1976 i due gruppi, quello degli “zingari” e quello dei “calabresi” erano in lotta per la gestione del territorio e quando si scoprì che De Rosa aveva infastidito una donna che era stata di un uomo del clan, ne hanno approfittato per mostrare i muscoli. Inizialmente volevano far saltare in aria l’auto di De Rosa con dell’esplosivo, ma poi i boss hanno preferito affrontare l’uomo all’esterno del locale Skylab, uccidendolo con un colpo di pistola alla testa e due al petto. A premere il grilletto sarebbe stato Rocco Papalia, che negli anni successivi è arrivato ai vertici della ‘ndrangheta a Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.