Per una rivoluzione (culturale) serve un catalizzatore e una scintilla

 Nel caso abbiamo il popolo sardo, conosciuto per l’amore della sua terra e per la determinazione, meglio cocciutaggine, nel perseguire una intenzione. Poi serve la scintilla nella fattispecie la beffa del latte dei paesi dell’est per la produzione DOP autoctona. Chissà se questa è davvero la goccia che farà traboccare il vaso così finiremo di essere mortificati con ottuse regole e squinternati pareri di burocrati lontani dalla realtà e dalle tradizioni.

Chissà se cesserà l’abominio perpetrato nel criticare e a voler vietare il consumo e commercio del pane e della pizza cotta a legna, ad autorizzare il commercio di latticini senza latte, alla pasta di grano tenero, al vino fatto dal chimico anziché dall’enologo e a tutte quelle sofisticazioni alimentari (chiamatele pure schifezze) che ci propinano quotidianamente in nome di un presunto progresso ma che servono solo a rimpinguare le multinazionali dell’alimentazione.

Certo, i sardi da soli, se pur fieri e bellicosi (figurativamente), non possono sconfiggere il gigante “Bruxelles” c’è bisogno di innescare una reazione virtuosa per imporre una nuova tendenza realmente ecologista e sopratutto salutista. Spetta a ognuno di noi fare il passo verso la piena solidarietà ed emulazione verso chi ha deciso di dire basta alle stramberie europee!

Saverio Tripodi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.