Prende il via a Girifalco l’attività del mercato contadino

Prende il via l’attività del mercato contadino. Con apposita delibera di giunta l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Pietrantonio Cristofaro, ha accolto la proposta presentata da Paolo Antonio Migliazza, presidente della Cooperativa Sociale “La Felce”, di organizzare l’avvio e la gestione del mercato contadino di Girifalco, riservato alla vendita diretta degli imprenditori agricoli nell’area attrezzata in Piazza Unità d’Italia nel rispetto del regolamento comunale.

Come spiegato dal presidente del Consiglio Comunale Elisabetta Ferraina che ha seguito l’iter della pratica, con questa procedura si è voluto perseguire una duplice finalità: la prima è quella di salvaguardare un bene comunale, troppo spesso oggetto di atti di vandalismo, attraverso un’adeguata custodia e la seconda è sicuramente restituire alla struttura sita in Piazza Unità d’Italia la funzione per la quale è stata progettata e che ha visto una manifestazione di interesse andata deserta per ben due volte. Al centro della proposta dettagliata della Cooperativa La Felce la valorizzazione dei prodotti girifalcesi e dalla promozione delle attività agroalimentari tradizioni locali al riconoscimento della De.co per uno o più prodotti tipici locali il passo potrebbe essere breve.

Il mercato contadino, il cui avvio è previsto per gli inizi di marzo, avrà un’apertura giornaliera; prevede l’allestimento dell’ area con materiali di riciclo; il rispetto della stagionalità dei prodotti agricoli a Km 0 ;l’ introduzione del sevizio a domicilio; – un’iniziativa che sposa a pieno il percorso che ha portato non solo all’ istituzione della DeCO, un regolamento fortemente voluto da questa Amministrazione, ma ad avere, oggi, anche un logo che racconta dell’origine dei prodotti provenienti da Girifalco , ricca terra tra i due Mari.

“Lo scopo principale – ha dichiarato il presidente Ferraina – è la tutela e la valorizzazione delle attività agro-alimentari tradizionali locali: una risorsa di sicuro valore economico, culturale e turistico oltre che uno strumento di promozione dell’immagine del Comune di Girifalco che potrà mettere sul mercato prodotti a km0 che hanno un profondo legame storico e culturale con il territorio comunale e che rappresentano il Made in Girifalco in tutto e per tutto”.

ALTRI ARTICOLI

Articoli correlati

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.