Spettacolo indecoroso davanti il Liceo Campanella di Lamezia Terme

Al  sig. Prefetto

Sono una cittadina di Lamezia Terme , insegnante di Italiano e Storia  presso il Liceo Campanella di Lamezia Terme. Ogni mattina , davanti alla scuola  in cui mi pregio di prestare servizio, vedo lo spettacolo indecoroso e ripugnante per l’accumulo di rifiuti di tutti i tipi nei cassonetti e fuori. Questa situazione emergenziale dura ormai da settimane , con la costante di ripresentarsi periodicamente per problemi legati alle discariche di conferimento.

Se non è possibile giungere all’optimum della  ” strategia  rifiuti zero ” di Paul Connett nè all’estensione della differenziata a tutta la città, tuttavia è intollerabile che il problema rifiuti si palesi come stigma di profonda inciviltà.

La salute pubblica è gravemente minacciata da tali orrendi ricettacoli di miasmi, cariche batteriche, topi in proliferazione esponenziale,  strade impregnate di pericoloso percolato. Con l’aggravante che l’immondizia a montagne , stazioni senza provvedimenti urgenti e straordinari, davanti alle scuole cittadine. Tralascio cosa avviene quando piove ( il nostro territorio , come è noto, è stato interessato da  nubifragi e bombe d’acqua ). Torrenti di spazzatura scorrono , trascinati dalla corrente piovana, con grave rischio per l’incolumità degli automobilisti e incauti passanti. 

Mi rivolgo pertanto a lei, illustrissimo sig. Prefetto, perchè metta in atto quanto è in suo potere per impedire il protrarsi di questa insostenibile situazione  a tutela della salute dei cittadini, nonchè per soccorrere Lamezia Terme da detto ” monstrum”.
Mi si consenta infine un’osservazione riguardo all’immagine che la Calabria offre  in casi del genere,  non isolati, a turisti e forestieri :   da bindoville, favela  terzo-quarto mondo.  E quanto possa nuocere alla sua ” reputazione”.

Enza Sirianni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.