Strasburgo, gravi le condizioni del giornalista d’origine calabrese Megalizzi

È originario della Calabria, il giovane giornalista Antonio Megalizzi rimasto ferito a Strasburgo – durante l’attentato terroristico compiuto nella tarda serata di martedì (11 dicembre) all’interno del mercatino di Natale.
Nato nel Reggino, si è trasferito fin da piccolo con la famiglia a Rovereto, in provincia di Trento.

Il cronista radiofonico (iscritto di recente all’Albo professionale dei giornalisti – elenco Pubblicisti) era presente da domenica nella città francese, assieme ad alcune colleghe, per seguire l’ultima seduta plenaria del 2018 del Parlamento Europeo e per realizzare, nella circostanza, un reportage sulla Brexit.
Intorno alle 20:30 di ieri – mentre si trovava nella zona che ospita il tradizionale mercatino natalizio – è stato colpito alla base cranica da un proiettile esploso dal terrorista.

Le sue condizioni – come si sa – sarebbero gravi. L’Unità di crisi della #Farnesina, intanto, fa sapere di essere in costante contatto con i sanitari francesi e con la famiglia Megalizzi. Piuttosto costante anche lo stazionamento in ospedale di alcuni componenti dello staff di Europhonica, il consorzio radio universitario presso cui lavora Tonio Megalizzi;  l’intraprendente giovane di 28 anni,  operatore dell’Informazione, fra l’altro selezionato dall’Europarlamento per formare la prima redazione radiofonica europea.

News – Agenzia Media Stampa – L’altra Calabria – www.laltracalabria.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.